il leone e i buoi

Dicono che una volta c’era un leone che voleva mangiare un piccolo gregge di quttro buoi. Ogni volta che si avvicinava da un lato o dall’altro, i buoi si mettevano in posizione difensiva, schiena contro schiena, e il leone trovava sempre le corna minacciose ad attenderle.

I buoi erano molto forti come squadra, nessuno si allontanava troppo, andavano insieme a pascolare e a bere. Si aspettavano sempre per potersi aiutare se neccessario.

Il leone a volte si avvicinava apertamente e altre si nascondeva tra le erbacce, ma ogni volta uno dei buoi lo sentiva, dava l’allarme e tutti si mettevano in posizione.

 Ad un certo punto la fame diventò più forte e il leone dovete aguzzare l’ingengno. Capì che non poteva vincere finchè loro erano così amici e decise di usare degli stratagemmi per separarli.

Iniziò ad attaccare sempre dallo stesso lato, sempre lo stesso buoi, in modo che questo cominciò a lamentarsi con gli altri della sua sfortuna. Ad un certo punto anche gli altri iniziarono a lamentarsi del fatto che dovevano proteggerlo.

Poco dopo dimenticarono di essere una squadra e iniziarono a pensare ognuno ai propri interessi fino a quando litigarono definitivamente e decisero di andare a bere separatamente.

Uno per uno andarono al fiume e uno per uno il leone li mangiò. Nessuno seppe nemmeno della scomparsa degli altri finchè non fu troppo tardi.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.