Il Grinch (2000)

In questi giorni ho letto da qualche parte “il Grinch non odia il Natale, odia la gente”, non mi è sembrato corretto perciò per essere sicura mi sono riguardata il film, quello del 2000, con la favolosa gestualità di Jim Carrey e diretto da Ron Howard.

Il Grinch è un personaggio di Dr. Seuss che odia il Natale. È un eremita che abita lontano da tutto e da tutti, con il suo cane che è l’unica compagnia che può sopportare. Si è fatto odiare e temere e nessuno viene a disturbarlo finchè, per caso, una bambina lo scopre e cerca di riportarlo nella comunità.

La curiosità e il cuore puro della bambina la portano ad indagare e ci fanno capire come e perchè è diventato com’è, risvegliando una grande compassione e tenerezza.

Comunque, il Grinch non odia la gente. Odia cose che danno sui nervi anche a me, odia il fatto che le apparenze siano, per la maggioranza, più importanti di quello che c’è dentro; odia il Natale perchè è la festa delle apparenze, dell’ipocrisia e dell’ostentazione; e odia la codardia di chi, per un bisogno di appartenenza, permette e persino supporta il disprezzo di chi è diverso.

Quando il Natale torna “umano” tutto cambia e dimostra che non è come sembra e che tutte le strade possono essere ripercorse, se si vuole, all’indietro.

Non ho trovato un vero e proprio trailer ma vi lascio questo spezzone in cui parla del Natale secondo il Grinch…

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

mi sposo

mi sposo

Dicono che c’era una volta, un saggio e venerato maestro, noto per la sua bontà nei confronti di tutti gli esseri viventi, che arrivò ad un monastero e chiese di essere ospitato per qualche giorno.