il giro del 99

17 Dec 18

Dicono che c’era un re molto triste che aveva un servo molto felice che circolava sempre con un grande sorriso sul volto, un giorno gli chiese qual era il segreto della sua felicità ma il giullare non seppe cosa rispondere, non c’erano segreti, semplicemente non aveva motivo di essere triste. Era felice di servire il suo re, viveva con la sua famiglia nella casa che era stata assegnata loro, aveva cibo e vestiti, ogni tanto riceveva anche qualche mancia…

Ma il re, non soddisfatto della risposta, chiamò il più saggio dei suoi consiglieri e disse: “Voglio conoscere il segreto della felicità del giullare!” Il consigliere rispose: “Non puoi capire il segreto della sua felicità. È felice perchè non è mai entrato nel giro del 99. Ma se vuoi, puoi sottrargliela! Facendolo entrare.”

Seguendo le indicazioni del consigliere, il re invidioso preparò una borsa che conteneva novantanove monete d’oro e la fece dare al giullare con un messaggio che diceva: “Questo tesoro è tuo. Goditelo come preferisci ma non dire a nessuno come lo hai trovato.”

Il giullare non aveva mai visto tanto denaro, pieno di eccitazione cominciò a contarle: dieci, venti, trenta, sessanta, novanta, novantanove! Deluso, indugiò con lo sguardo sopra il tavolo, alla ricerca della moneta mancante, e poi gridò: “Sono stato derubato! Sono stato derubato! Maledizione!”

 Cercò di nuovo sopra il tavolo, per terra, nella borsa, tra i vestiti, nelle tasche, sotto ai mobili… Ma niente. Sul tavolo, quasi a prendersi gioco di lui, un mucchietto di monete splendenti gli ricordava che aveva novantanove monete d’oro, e pensò: “Perchè soltanto novantanove, novantanove monete… Sono tanti soldi, ma mi manca una moneta. Novantanove non è un numero completo!, cento è un numero completo, novantanove no!”

La faccia del giullare non era più la stessa. La sua vita non era più perfetta. Si era convinto di non poter essere più felice senza la centesima moneta. Aveva la fronte corrugata e i lineamenti irrigiditi. Stringeva gli occhi e la bocca gli si contraeva in una orribile smorfia, mostrando i denti.

Passava i giorni a calcolare quanto tempo avrebbe dovuto lavorare per guadagnare la centesima moneta, avrebbe fatto lavorare sua moglie e i suoi figli. Dieci, dodici anni, ma ce l’avrebbe fatta! Il giullare era entrato nel giro del novantanove.

Non passò molto tempo che il re lo licenziò. Non era piacevole avere un giullare sempre di cattivo umore.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.