il figlio morto…

Dicono che c’era una volta, un padre che viveva con suo figlio un una casetta vicina ad un paese piccolo e perso nelle montagne. Vivevano da soli da quando la madre era morta e avevano pochi contatti con altre persone.

 Un giorno, mentre il ragazzo era andato in paese a fare delle comissioni, arrivarono dei vandali che saccheggiarono molti negozi e case, uccisero molte persone e diedero fuoco a quel che rimasse in piedi.

Quando il padre vide che il figlio non tornava e andò in paese trovò quel che sembrava il suo corpo dai vestiti. Raccolse il tutto, lo fecce fremare e lo misse in una urna che mise sopra il camino.

In realtà il figlio era stato rapito insieme ad altri giovani e, siccome era molto intelligente e forte, dopo qualche giorno, riuscì a slegarsi, a scappare e a tornare a casa, da suo padre.

 Quando arrivò trovò la porta chiusa e quando bussò nessuno venne ad aprire. Il vecchio era chino sul tavolo della cucina a piangere. Con un braccio abbracciava l’urna in cui aveva messo i resti del figlio, con l’altro teneva una bottiglia di vino.

Bussò ancora più forte e senza sosta fino a che il vecchio rispose
— Andate via, non ci sono per nessuno! rispettate il mio lutto!”.
— Ma, papà, — disse — Sono io! Tuo figlio! Aprimi!
— Non è verò — urlò pieno di dolore e di alcol — mio figlio è morto!
— Non sono morto, papà, sono stato rapito e sono scappato. Sono tornato e ora sono qui, aprimi!

Ma il padre non poteva credere alle sue parole. Continuò a bere e a piangere abbracciando l’urna. Alla fine il figlio si arrese, se ne andò e non tornò mai più.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Criminali come noi (2019)

Criminali come noi (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film argentino, bellissimo, che parla di una crisi economica come quella che si dice stia arrivando dopo il coronavirus, con Ricardo Darín, che in spagnolo ha il titolo meraviglioso di La odisea de los Giles, e hanno tristemente tradotto come Criminali Come Noi.

filtrare le notizie

filtrare le notizie

In questi giorni continuano ad arrivare messaggi di ogni tipo, su quello che sta sucedendo, nel nostro paese, negli altri paesi, che possono influenzare il nostro stato d’animo dando fuoco alle nostre emozioni più distruttive, come la paura e la rabbia.

il conto

il conto

Dopo un po’ di giorni, in cui tutti parlano di coronavirus, degli effetti della malattia e delle misure prese per sottometterla che stanno mettendo in moto i diversi paesi, dei suoi effetti anche economici, psicologici e sulla società, voglio dirmi la mia.