i tre vecchietti

Una donna stava innaffiando il giardino della sua casa quando vide tre vecchietti con i loro anni di esperienza, che stavano di fronte al suo giardino. Poiché non li conosceva disse:
— Non mi sembra di conoscervi, ma penso che siate affamati. Vi prego, entrate per mangiare qualcosa.
Essi domandarono se c’era il padrone di casa e quando la donna disse di no, dissero che non potevano entrare fino all’imbrunire, quando il marito sarebbe rincassato. Quando così fu ed ella gli raccontò tutto ciò che le era capitato, lui disse di dire loro che era rientrato e, dunque, invitarli pure ad entrare!
La donna uscì per invitare i tre uomini a casa ma loro dissero:
— Non possiamo entrare tutti e tre insieme in una casa
— Perché? — volle sapere lei.
— io mi chiamo Amore, — disse uno degli uomini — Il suo nome è Ricchezza — spiegò indicando uno dei suoi amici e — indicando l’altro — Il suo nome è Successo. Adesso va’ dentro e decidi con tuo marito quale di noi tre desiderate invitare a casa vostra.
La donna entrò in casa e raccontò a suo marito tutto ciò che i tre uomini le avevano detto. Lui si rallegrò e disse:
— Che bello! Se è cosi, allora invitiamo Ricchezza, che venga e riempia la nostra casa!
— Caro perché non invitiamo Successo? — disse sua moglie che non era del tutto d’accordo.
La figlia dei due coniugi, che  stava ascoltando dall’altra parte della casa, quando li sentì discuttere si avvicinò e disse:
— Non sarebbe meglio far entrare Amore? Così la nostra famiglia sarebbe piena di amore.
—  I tre si guardarono e decisero di invitare Amore perché fosse loro ospite.
— Chi di voi è Amore? Che venga, per favore, e sia il nostro invitato.
In quel momento Amore si alzò e cominciò ad avanzare in direzione della casa; anche gli altri due si alzarono e lo seguirono.
Alquanto sorpresa, la signora chiese a Ricchezza e a Successo:
— Ma, io ho invitato solo Amore, venite anche voi? Avevate detto che dovevamo scegliere…
— Infatti — replicarono insieme i tre vecchietti— Se avessi invitato Ricchezza o Successo gli altri due sarebbero rimasti fuori, ma giacché hai invitato Amore, ovunque egli vada, noi andiamo con lui.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

La paura è una sega mentale (2010)

Oggi voglio parlare di un libro di Giulio Cesare Giacobbe, che mi era sfuggito quando ho scritto sugli altri… La paura è una sega mentale. Un libro sulla paura sistematica, che è alla base di diversi disturbi anche gravi come ansia, attacchi di panico, depressione e somatizzazioni e, secondo la psicoterapia evolutiva, è dovuta al mancato sviluppo della personalità adulta e quindi al permanere della personalità infantile.

Il miglio verde (1999)

Oggi voglio parlarvi di uno di quei film che quando è uscito mi ha colpito molto, meravigliosamente interpretato da Tom Hanks, David Morse e Michael Clarke Duncan, su una sceneggiatura basata su un libro di Stephen King, Il miglio verde. Una storia commovente sulla paura, la superficialità e la rabbia, ma anche sulla curiosità, la bontà, l’aiuto e l’accettazione dei diversi. Una storia assurda, fantastica, agrodolce come la vita.

rimandare e procrastinare

Questa settimana, con calma perchè era l’ultimo incontro prima delle vacanze, abbiamo continuato a parlare delle cose che non riusciamo a fare, questa volta analizzando le cose che “decidiamo” di non fare, di rimandare, o che continuiamo a procrastinare con un maggiore o minore grado di consapevolezza. Abbiamo parlato di come aumentare questa consapevolezza e su come sfruttare queste conoscenze per diventare più funzionali nella nostra vita.

namastè

Abbiamo sempre detto che dentro di noi, nella nostra mente, ci sono diverse voci, diverse personalità, diverse “parti” di noi, separate, che influenzano come pensiamo, come parliamo, come ci comportiamo, le nostre abitudini e di conseguenza le nostre relazioni. Oggi vogliamo parlare di come queste voci interagiscono fra loro, dentro e fuori di ognuno di noi…