i quattro livelli della coscienza

Questa sera all’ incontro di facciamo pace oltre alle diverse voci nella testa, parleremo anche di stati di coscienza e di percezione dei Laikas, descritti magistralmente nel libro di Alberto Villoldo di cui vi parlavo la settimana scorsa: Le Quattro Rivelazioni. Quattro livelli da cui possiamo osservare e condizionare il mondo, in modi diversi.

Secondo questa filosofia, gli esseri umani possono percepire il mondo da quattro livelli di coscienza, essendo i più bassi avvolti dai più alti come se si trattasse di bamboline russe. Ogni livello è legato ad un animale archetipico, ad un tipo di linguaggio e ad un tipo di energia. Imparando a cambiare da un livello ad un altro possiamo avere le possibilità di tutti loro.

  • il primo livello è quello del corpo e della percezione fisica, il cui animale archetipico è il serpente, che percepisce con i sensi e che ha un istinto molto sviluppato e di cui può fidarsi sempre. É il più efficace nel mondo pratico e materiale, capace di sopravvivere in ogni circostanza esterna.
  • il secondo livello è quello della mente e della percezione psicologica ed emotiva, il cui animale archetipico è il giagguaro, che percepisce le emozioni, le idee, i concetti e i pensieri. È più efficace con le problematiche emotive ed energetiche, capace di sfruttare i simboli e di vedere le opportunità che si celano oltre le situazioni.
  • il terzo livello è quello dell’anima, il cui animale archetipico è il colibrì, che riesce a percepire la vita come un viaggio sacro, capisce il linguaggio metaforico e può andare oltre la psicologia e la logica. È il più efficace per produrre cambiamenti andando più in profondità oltre la nostra personalità e il giudizio.
  • il quarto livello è quello dello spirito, il cui animale archetipico è l’aquila, che riesce a percepire noi stessi come parte di un tutto. Riesce a vedere oltre le barriere, oltre alle ettichette, oltre a qualsiasi identificazione, riesce a vedere sotto l’acqua nel nostro esempio delle isole. È capace di cambiare la percezione del tempo lineare, comprendendo che non sempre le cause esistono prima degli effetti, ed è in grado di liberarsi di eredità karmiche e cocreare un mondo diverso.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…

paradossi

I paradossi, secondo wikipedia, sono fatti che contraddicono l’opinione comune o l’esperienza quotidiana, la logica, la razionalità, che porta a una contraddizione, a qualcosa che non riusciamo a comprendere, o a capire, che ci mette in difficoltà.