i limiti esterni

La prossima settimana continueremo a parlare delle ragioni per cui non riusciamo a fare quello che vorremmo. In questo prossimo incontro, parleremo di quando i limiti sembrano essere esterni e dico sembrano perchè non sempre lo sono, e anche di quando lo sono veramente.

Nell’incontro precedente abbiamo parlato di quando i limiti sono legati a noi, a come ci sentiamo, a come crediamo di essere o non essere e a quello che crediamo di avere o non avere. Abbiamo visto come cambiare le nostre credenze per superare molte di queste limitazioni, alleggerendole e diminuendo la loro forza bloccante.

Ma la domanda che galleggiava nell’aria era sempre: cosa succede quando i limiti sono altrove, quando veramente non posso fare qualcosa che vorrei fare e nemmeno prepararmi per mettermi in grado di farlo. Le possibilità sono due:

  • che le limitazioni in realtà non siano fuori di noi ma dentro, che siano più nel nostro modo di vedere e di leggere il mondo, e che possiamo gestirle e modificarle.
  • che le limitazioni siano reali, e siano li per farci cambiare strada, per farci cambiare idea, perchè in realtà quello che crediamo di volere non è quello che vogliamo veramente o non è la cosa migliore per noi.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

sfruttare tutto al massimo

Nella settimana scorsa sono andata al mare ogni giorno, dalla matina alla sera, sui lettini, sotto gli ombrelloni, per la prima volta nella mia vita. Qualcuno ha sentito il bisogno di dirmi che non potevo non fare il bagno, che non potevo non prendere il sole, che dovevo sfruttare al massimo le giornate. E ho pensato di condividere con voi la mia riflessione sull’argomento.

il prezzo più alto

Dicono che c’era un gioielliere seduto alla scrivania che guardava distrattamente la strada attraverso la vetrina del suo elegante negozio quando una bambina si avvicinò e schiacciò il naso contro la vetrina. I suoi occhi color del cielo si illuminavano vedendo quegli oggetti esposti.

Anatomia dello Spirito (1996)

Questa estate ho conosciuto (letto) per la prima volta Caroline Myss, una divulgatrice intuitiva e saggia, e mi sono innamorata, mi sono bevuta tre libri senza mai stancarmi del suo modo di raccontare perchè è molto in sintonia con i miei altri maestri. In questo Anatomia dello Spirito, I sette livelli del potere personale mischia e cucina insieme elementi di diverse religioni e spiritualità con un gusto squisito e una chiarezza impressionante.

se ti ho incuriosito...