i limiti esterni

La prossima settimana continueremo a parlare delle ragioni per cui non riusciamo a fare quello che vorremmo. In questo prossimo incontro, parleremo di quando i limiti sembrano essere esterni e dico sembrano perchè non sempre lo sono, e anche di quando lo sono veramente.

Nell’incontro precedente abbiamo parlato di quando i limiti sono legati a noi, a come ci sentiamo, a come crediamo di essere o non essere e a quello che crediamo di avere o non avere. Abbiamo visto come cambiare le nostre credenze per superare molte di queste limitazioni, alleggerendole e diminuendo la loro forza bloccante.

Ma la domanda che galleggiava nell’aria era sempre: cosa succede quando i limiti sono altrove, quando veramente non posso fare qualcosa che vorrei fare e nemmeno prepararmi per mettermi in grado di farlo. Le possibilità sono due:

  • che le limitazioni in realtà non siano fuori di noi ma dentro, che siano più nel nostro modo di vedere e di leggere il mondo, e che possiamo gestirle e modificarle.
  • che le limitazioni siano reali, e siano li per farci cambiare strada, per farci cambiare idea, perchè in realtà quello che crediamo di volere non è quello che vogliamo veramente o non è la cosa migliore per noi.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

La paura è una sega mentale (2010)

Oggi voglio parlare di un libro di Giulio Cesare Giacobbe, che mi era sfuggito quando ho scritto sugli altri… La paura è una sega mentale. Un libro sulla paura sistematica, che è alla base di diversi disturbi anche gravi come ansia, attacchi di panico, depressione e somatizzazioni e, secondo la psicoterapia evolutiva, è dovuta al mancato sviluppo della personalità adulta e quindi al permanere della personalità infantile.

Il miglio verde (1999)

Oggi voglio parlarvi di uno di quei film che quando è uscito mi ha colpito molto, meravigliosamente interpretato da Tom Hanks, David Morse e Michael Clarke Duncan, su una sceneggiatura basata su un libro di Stephen King, Il miglio verde. Una storia commovente sulla paura, la superficialità e la rabbia, ma anche sulla curiosità, la bontà, l’aiuto e l’accettazione dei diversi. Una storia assurda, fantastica, agrodolce come la vita.

rimandare e procrastinare

Questa settimana, con calma perchè era l’ultimo incontro prima delle vacanze, abbiamo continuato a parlare delle cose che non riusciamo a fare, questa volta analizzando le cose che “decidiamo” di non fare, di rimandare, o che continuiamo a procrastinare con un maggiore o minore grado di consapevolezza. Abbiamo parlato di come aumentare questa consapevolezza e su come sfruttare queste conoscenze per diventare più funzionali nella nostra vita.

se ti ho incuriosito...