I Guardiani del Destino (2011)

Lo scorso weekend, tra i film che abbiamo visto al seminario di Igor Sibaldi sulle Conversazioni con gli dei, c’era I guardiani del destino, con Matt Damon e Emily Blunt. Una riflessione molto interessante sul destino e i piani che ha in serbo per noi.

Ci sono una serie di personaggi con cappello, che ricordano tanto gli uomini del vestito grigio di Momo, lavorano per un personaggio che non si vede mai ma che tutti chiamano Il Presidente, il loro lavoro consiste in cambiare gli eventi che il caos continua a incasinare per mantenere un fantomatico piano.

I protagonisti sono due giovani che si incontrano, assolutamente per caso, un politico e una ballerina che si nasconde perchè la cercano per essersi imbuccata ad un matrimonio, e tra loro sboccia un amore fresco e dolce. Ma che va contro il piano

E uno dei personaggi col cappello che sente pietà per lui e gli racconta sia come funziona il tutto che come poter superare i limiti imposti dal sistema.

Una riflessione sul libero arbitrio, sull’amore, sui piani del destino sul fatto che possono anche cambiare, e persino su cómo…

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

mi sposo

mi sposo

Dicono che c’era una volta, un saggio e venerato maestro, noto per la sua bontà nei confronti di tutti gli esseri viventi, che arrivò ad un monastero e chiese di essere ospitato per qualche giorno.