i due leoni

Dicono che c’era un leone che viveva nel deserto. Lì c’era tanto vento. I suoi capelli erano mossi, le piante non erano mai ferme e persino l’acqua delle pozze in cui bevevano gli animali era sempre mossa. Niente riusciva a riflettersi sulle loro superfici. Vicino c’era un bosco in cui a volte andava a caccia o a giocare, ma normalmente non si addentrava molto.

Un giorno, inseguendo un animale, si spinse molto più in la di quanto avesse mai fatto e scoprì una bellissima sorgente, di acqua così pura e cristallina che la tentazione e l’attrazione furino immediate. Ma, quando si avvicinò, allungò il collo ed era pronto a bere un bel sorso… vide il proprio riflesso e si spaventò pensando ci fosse un’altro leone di fronte a lui… ed era bello grosso.

<<Quest’acqua deve appartenere a quell’altro leone, pensò, perciò me ne vado a casa mia>> pensò… ma aveva troppa sete, aveva corso troppo ed era troppo lontano dalla sua casa e dalle sue solite pozze. Perciò decise di tornare, si avvicinò di nuovo alla sorgente, questa volta in un punto un po’ distante da quello di prima e si preparò per spaventare l’altro leone se appariva. Ma, non appena mostrò i denti minacciosi, vide anche i dentri del suo avversario, ed erano grossi.

Pensò molto a come superare il problema, come distrarlo, ma alla fine sapeva le sue mosse prima di lui e le imitava contemporaneamente.L’angoscia, l’ansietà e la frustrazione erano grandi e più provava meno si sentiva in grado di riuscirci, stava rischiando la paralisi tra dubbi e paure…

Alla fine, la sete era tanta che si disse <<con o senza l’altro leone, io devo bere>> e balzò in avanti pronto a lottare per l’acqua e per la sua vita… E, non appena tocco l’acqua, l’altro leone sparì, e potè bere tranquillamente, perchè… anche se lo vedeva con i suoi occhi… era solo frutto della sua mente.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…