Homo Deus (2018)

Dopo Sapiens – Da Animali a Dèi, mi sono innamorata così tanto delle parole di Yuval Noah Harari, che ho dovuto leggere senza sosta il seguente libro suo che ho trovato: Homo Deus – una breve storia del futuro, che mi è piaciuto quasi ancora di più… anche se non condivido tutte le sue intuizioni sul futuro.

Diciamo che va avanti da dove si ferma il libro precedente e racconta di come, secondo lui, i cambiamente degli ultimi anni stanno dando forma al mondo e di come potrebbe continuare la linea di evoluzione nel futuro.

Quello che più mi è piaciuto è stata l’idea delle difficoltà, o meglio, dell’impossibilità per noi uomini e donne di oggi di capire quello che faranno, penseranno, sentiranno, desidereranno gli uomini e donne del futuro.

Perchè quello che facciamo, pensiamo, sentiamo e desideriamo è talmente connesso allo sviluppo delle nostre narrazioni e della nostra scienza che non è possibile immaginarlo oggi, allo stato attuale delle cose.

Per secoli gli uomini hanno cercato di dominare la natura, e lo hanno fatto sempre di più, di dominare le carestie, le malattie, e siamo sempre più bionici… perciò siamo al punto di chiederci quale sarà il prossimo passo, sarà verso la felicità, sarà condiviso da tutti gli esseri umani, sarà verso l’estinzione…

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Malati di sesso (2018)

Anche questa settimana, una commedia italiana, Malati di sesso, con Francesco Apolloni, che oltre a protagonista è anche sceneggiatore e Gaia Bermani Amaral. Una commedia sentimentale sull’amore e il sesso, sulle donne e gli uomini, molto più simili di quanto normalmente ce li raccontino.

ma… tu, ti ami?

Dopo l’incontro della settimana scorsa di facciamo pace, parlando di quanto ci conosciamo siamo finiti a parlare di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e ho avuto una delle mie piccole illuminazioni sull’amore incondizionato e sulle basi su cui si possa costruire.