Genio per amore (1994)

Dopo un film destopico come Brazil, questa settimana parliamo di una commedia leggera e dolcissima con Tim Robbins, Meg Ryan, e Walter Matthau nei panni di Albert Einstein: Genio per amore. Un film sull’amore, sulla chimica, sulla differenza fra quello che vogliamo e quello di cui abbiamo bisogno.

Mi ha attratta l’idea di rappresentare un Einstein più psicologo e filosofo che scienziato, che mette in pratica tutte quelle idee che troviamo nei meme oggi, sul non permettere che la ragione interferisca col cuore, sul fatto che sia meglio essere ottimisti e avere torto che pesimisti e avere ragione, sull’esistenza o meno del tempo e il suo valore…

Devo ammettere che quello che mi è piaciuto di più è stata lei, la mia adoratissima Meg Ryan, ma mi sono piaciuti anche molti dialoghi, le riflessioni sulle teorie scientifiche e la loro limitazione nella pratica, l’impossibilità di spiegare tutto con la fisica…

Ma, soprattutto, alla mia parte romantica è piaciuto il fatto che lui si trasforma per conquistarla, che fa uno sforzo per arrivare al suo cuore e che lei prima si arrabbia ma poi lo perdona e apprezza il gesto.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

p.s.- Non ho trovato il trailer in italiano, ma vi lascio quello in inglese ;)…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

Scusate se esisto (2014)

Scusate se esisto (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di una commedia italiana con la meravigliosa Paola Cortellesi e un bellissimo e delizioso Raoul Bova gay, Scusate se esisto!. L’ennesima dimostrazione dell’umore che serve per vivere in questo nostro paese con le sue complessità e paradossi.

questione di priorità

questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto chein un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

voglio il gelato

voglio il gelato

Tanti anni fa, quando sono arrivata in Italia, ho fatto l’animatrice volontaria per un progetto di accoglienza di bambini bielorussi. Stavano in Italia due settimane e anche se la sera stavano con le famiglie, durante il giorno li tenevamo tutti insieme e li portavamo in piscina, a giocare, ecc.

acqua e sale

acqua e sale

Dicono che c’era una volta un anziano maestro stanco dei costanti dubbi e delle lamentele di uno dei suoi discepoli. Vedeva solo il lato negativo delle cose e si rifiutava di ascoltare nulla che non fosse quello che sperava di sentire.