Frankeweennie (1984)

Oggi, per Halloween voglio parlare di un cortometraggio dolcissimo: Frankenweenie, di Tim Barton che ci ha fatto ache un lungometraggio di animazione nel 2012 con lo stesso nome.

Racconta la storia di Victor Frankestein, un ragazzino il cui cane muore in un incidente e che da una lezione di fisica prende l’idea di rianimarlo con l’elettricità e, come nella storia del vero Frankestein, viene criticato perchè diverso.

Non è una storia veramente paurosa come Pet Sematary di Stephen King, ma più una riflessione su come la paura fa fare cose stupide e incolpare chi non si può difendere.

Il cane rappresenta alla meraviglia quell’ingenuità del “mostro” che viene fraintesa da molti insieme alla lealtà verso il suo padrone. Fino a salvare la sua vita rischiando la propria.

Un finale diverso per una storia vecchia, un finale conmovente e pieno di fiducia sulla capacità del genere umano di sopravvivere e di diventare collaborativo. Assolutamente da vedere.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, fate ora, si trova integrale su youtube…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…

possibilità

possibilità

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, continueremo a fare il discorso su come ci raccontiamo, sul potere inmenso che abbiamo per definire la nostra vita scegliendo le parole che usiamo per raccontarla, e vedremo dei piccoli “trucchi” per cambiare cose nell’inmediato.