Fragola e Cioccolato (1993)

Oggi voglio parlarvi di uno dei miei film cubani preferiti, diretto da   Tomás Gutiérrez Alea e protagonizzato da Jorge Perugorría e Vladimir Cruz: Fragola e cioccolato. Una commedia drammatica, come la vita, sulle differenze e le cose in comune, sulle passioni e le rinunce, sull’individualità e su come spesso ci vendiamo per passare inosservati, a volte per salvare la vita.

I protagonisti sono due giovani cubani, come dicevo, tanto diversi in superficie ma, ben presto, conoscendoli un po’ meglio vedremo tuto quello che hanno in comune. Diego (Perrugorria) è un intellettuale, artista, creativo, dichiaratamente omosessuale, e profondamente innamorato della vita e di tutto quello che vivere comporta, incluso il dolore. David (Cruz) è un giovane studente castrista, molto preso dalla dottrina, convinto che gli omosessuali siano sbagliati e “spie del capitalismo”.

Un film su come sia possibile l’amicizia tra persone così diverse, quando si trova una passione comune, in questo caso per la letteratura, la cultura, l’arte, e il proprio paese. Anche se all’inizio uno le vede più da lontano, più anaffettivamente, più “teoricamente” e l’altro le vede più da vicino, quasi si potrebbe dire dall’interno. Così tanto che alla fine dovrà andare via per salvare la vita.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

p.s. non ho trovato il trailer ma si questa scena dell’inizio in cui si vedono i due personaggi quando ancora non si conoscono, e quando David è ancora incontaminato.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Metti la nonna in freezer (2018)

Oggi voglio parlarvi di una commedia italiana, di quest’anno, con Fabio De Luigi e Miriam Leone, Metti la nonna in freezer. Una storia meravigliosa sulle regole, sulla gente che le fa rispettare e quella che le infringe, con grande immaginazione, con la inventiva, che ha creato il malcostume italico determinato a stanare falsi invalidi, cronici evasori e impiegati in cerca di mazzette.

archetipi personali

In questo mese di ottobre, continueremo a parlare di archetipi, e al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di alcuni vedremo come individuare i propri archetipi personali e come sfruttare al meglio quest’informazione. Vedremo una serie di archetipi che possiamo definire di base e universali seguendo il libro di Caroline Myss e come capire se ci appartengono o meno.

il peso karmico

Oggi voglio parlare di karma e del peso che può avere nelle nostre vite… Spesso incontro persone che mi fanno notare quanta fatica fanno a ottenere cose che per altri sono, o sembrano, semplici. Gente che si lamenta di quanto sia difficile la convivenza con la propria famiglia o il proprio lavoro e quanto sembrino leggere le famiglie o i lavori degli altri.

una persona sgradevole

Dicono che c’era una volta, su di un volo di una nota compagnia aerea sulla rotta che va da Johannesburg a Londra, una donna bianca, di circa 50 anni, che dovete prendere posto in classe economica di fianco ad un giovane uomo nero.

Fish! (2001)

Anche oggi voglio parlare di un libro non nuovissimo, di diversi autori, Fish! Una storia sulla motivazione, su un gruppo in cui tutti mettono passione ed energia nell’attività che svolgono, un ambiente in cui le persone sono autenticamente in sintonia fra loro, con il proprio lavoro e con i clienti, e non perchè il loro lavoro sia particolarmente meritevole o preveda una particolare reputazione.

se ti ho incuriosito...