Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

La prima presentazione sarà il prossimo mercoledì all’interno dell’apelinguistico numero 300 di coollanguages.org.

È la storia di un percorso interiore di crescita personale, fatto da incontri, dialoghi e riflessioni. E, soprattutto, fatto di scelte, di libertà e responsabilità, perchè in fondo sono la stessa cosa.

Infatti, ad un certo punto il libro diventa un libro-game e ci da persino la possibilità di scegliere cosa crediamo che fará il protagonista, davanti a quella che al momento sembra la più difficile e importante decisione della sua vita.

Leggendolo possiamo identificarci con i diversi personaggi in diversi momenti e possiamo anche approfittare per riflettere insieme a lui sulle nostre relazioni e sulle nostre scelte.

Vi ricordo che potete leggere i primi due capitoli qui. Vi piacerebbe leggerlo tutto? Volete una copia autograffata? Vorrei tanto sapere se vi piace…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…