Felici Senza Ferrari (2014)

C ome avete potuto notare nel periodo di Natale, uno dei mie cavalli di battaglia è quello delle cose, da avere e da usare, e del denaro… un libro bellissimo sull’argomento è: Felici Senza Ferrari, di Ryunosuke Koike, un po’ troppo giapponese per i miei gusti in alcuni aspetti ma ottimo spunto per comprendere il rapporto zen con i desideri e il denaro.

Dicevo un po’ troppo giapponese perchè solo alla fine spiega, in una specie di glossario, alcune cose che avrei preferito trovare inserite in mezzo come note del traduttore, come il cambio monetario o alcuni riferimenti a cibi e altre cose date per scontate fino a quel momento.

Quello che, invece ho amato, è stato il modo in cui spiega come, secondo lo zen, i meccanismi del desiderio, del possesso e degli stimoli ci fregano, portandoci nel pozzo senza fondo del consumismo, che dovrebbe portarci alla felicità, ma ci porta solo ad una spirale infinita di piacere e dolore.

Spiega anche come il denaro sia diventato il nostro maggiore riferimento in ogni circostanza, e questo ci limita molto. Ma possiamo anche trattare il denaro in un modo diverso e usarlo per essere felici: una guida zen. Principalmente acquistando ciò di cui si ha veramente bisogno e non ciò che si desidera.

Per concludere spiega come la liberarci del superfluo, soprattutto con la concentrazione, l’opposto delle distrazioni che cerchiamo costantemente. Il suo metodo per raggiungere la felicità è pratico e semplice, e allo stesso tempo rivoluzionario… Senza dipendere dal denaro.

 

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.