farsi perdonare

La prossima settimana al secondo evento di facciamo pace di dicembre, continueremo a parlare di perdono, di cosa vuol dire perdonare, e del perchè e del come farlo… ma anche di come farsi perdonare, se siamo stati noi a fare un torto e la persona a cui l’abbiamo fatto non è ancora convinta.

Infatti, parlando di perdono mi sembra doveroso parlare non solo dell’importanza di concederlo, sempre e comunque, ma anche a volte bisogna chiederlo. Secondo la chiesa catolica, mio papà mi raccontava da ragazza come l’avevano obbligato ad imparare a memoria da bambino, per meritare il perdono bisogna dimostrare: prima il pentimento di cuore , secondo la confessione di bocca , e terzo l’ammenda per opera

Secondo me l’idea non è del tutto sbagliata, in fondo parla di coerenza di parole, sentimenti e azioni. Infatti, quando chiediamo perdono sinceramente (sentimento), non abbiamo nessun problema a dire (parole) e fare (azioni) di tutto per compensare (il torto o i danni causati da esso). Parlare è facile ma, spesso non basta dire di essere pentiti, bisogna anche dimostrare che non sono solo parole.

Chiedere perdono è come chiedere di fidarsi di nuovo di noi. Non si tratta di fare (o di chiedere) qualcosa di straordinario o completamente diverso dal solito, ma di ricucire la fiducia, ammettendo che l’abbiamo strappata. Di ritornare sui nostri passi e riprendere il sentiero condiviso, con i gesti che l’avevano costruito la prima volta. Come ho sentito in un telefilm la settimana scorsa:

— Allora questo vuol dire che mi perdonerai?
— Questo vuol dire che ne parleremo,
davanti a molti cafè… (sottinteso pagati da te)

Cosa ne pensate? Vi incuriosice la cosa? Vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.