fare quello che si vuole

Uno dei “concetti” più polemici del nuovo paradigma è quello del “fare ciò che si vuole”. Molti dicono che sia solo una mostra di egoismo e lo condannano. Molti pensano che sia meglio e più importante, come diceva il paradigma vecchio, fare quello che dobbiamo e non quello che vogliamo.

Il fatto è che, secondo me, facciamo sempre quello che vogliamo. Molti dicono che fanno quello che devono ma in realtà possiamo scegliere sempre se farlo o meno. E non è soltanto una questione di egoismo, anzi, direi che è questione di responsabilità, di libertà, di forza.

Il “dovere” non esiste, non è reale, è qualcosa dentro alla nostra testa che decidiamo sia più importante del resto. Ma la decisione, alla fine, è nostra. Possiamo sempre fare il contrario. Se facciamo quello che “dobbiamo” è perchè lo vogliamo.

Abbiamo sempre una scelta e, normalmente, scegliamo in funzio-ne del prezzo che crediamo di dover pagare. Ma non sempre, non tutti, abbiamo il coraggio di ammetterlo e di prenderci la responsa-bilità che è il costo della libertà.

Secondo me, uno dei più grandi problemi è proprio il fatto che nessuno crede di fare ciò che vuole, è tutto colpa di qualcun’altro, responsabilità di qualcun’altro e deve risolverlo qualcun’altro. E non crediamo di poter fare nulla, ci sentiamo sempre più deboli e piccoli.

Se ognuno di noi comprendesse e ammettesse che fa quello che vuole, saremmo tutti più felici, tutti, non solo alcuni, tutti. E potremo scoprire quello che possiamo fare. Ma, finchè alcuni continuino a scudarsi dietro la scusa del “dovere” la frustrazione e la paura saranno i sentimenti più diffusi.

Che ne dite? Proviamo a prenderci un po’ di più la responsabilità delle nostre scelte? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.