fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amore molto più spesso di quanto credono.

Ci hanno fatto credere che fare l’amore è qualcosa di carnale, di privato e di esclusivo. Qualcosa da nascondere, da aspettare con ansia. Qualcosa dausare come scusa per non essere felici se non possiamo farlo esattamente come vorremmo, con chi vorremmo e quando vorremmo.

Ma io mi chiedo e vi chiedo: quando iniziamo a fare l’amore, dai preliminari, dai baci, dagli sguardi complici? e quando finiamo? quando ci addormentiamo, quando ci separiamo, quando torniamo alle altre facende?

Per me, l’amore è un’altra cosa, molto più grande e potente. L’amore è la capacità di dare, di accettare, di pensare il meglio e di volere il meglio per noi stessi e per gli altri. L’amore è qualcosa che si può fare, si può costruire e si può “mettere” in qualsiasi cosa noi facciamo.

Fare l’amore potrebbe essere fare le cose con amore, potrebbe essere mettere amore come ingrediente in tutte le cose che facciamo, in quello che cuciniamo, in quello che raccontiamo, in quello che pensiamo, in quello che diciamo agli altri.

Potremmo mettere più amore nel modo in cui pieghiamo i vestiti, puliamo la casa, scriviamo un email o camminiamo per strada. In ogni cosa che facciamo mettiamo delle emozioni, che possono essere amore, paura, rabbia… 

Se mettessimo più amore in tutte le cose che facciamo tutto sarebbe diverso, sarebbe più semplice, più bello, più piacevole e più sereno. Se, ogni volta che ci viene offerto di reagire con rabbia a qualcosa, noi riuscissimo a reagire con amore,ricordando tutte le cose che amiamo… potremo veramente ricostruire il mondo in maniera più evoluta e sostenibile. Che ne pensate, proviamo? Vediamo cosa possiamo cambiare nel nostro piccolo mondo, nei nostri piccoli mondi e fino a dove possiamo arrivare?

Che ne pensate? Siete d’accordo?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…

possibilità

possibilità

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, continueremo a fare il discorso su come ci raccontiamo, sul potere inmenso che abbiamo per definire la nostra vita scegliendo le parole che usiamo per raccontarla, e vedremo dei piccoli “trucchi” per cambiare cose nell’inmediato.