Famiglia all’improvviso (2016)

Avvicinandosi il Natale mi è venuta voglia di film che parlano di famiglia e mi sono guardata Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse, dei produttori de La famiglia Belier, con il protagonista di Quasi amici, Omar Sy.

Racconta la storia di un giovane scalpestrato che vive una vita  senza regole o vincoli, fatta solo di feste e divertimento con gli amici e di avventure amorose fino a quando riceve un “regalo” inaspettato. Una donna con cui non ricorda nemmeno di essere andato a letto gli lascia una bambina di tre mesi di cui dice che è il padre.

Dopo un intento frustrato di riconsegnarla alla mamma, sorge l’amore infinito di un padre che ha un solo desiderio, rendere felice la figlia, con una vita su misura da principesse delle fiabe. L’idillio andrà avanti fino a quando la mamma riappare e vuole riprenderla e avrà un finale a sorpresa da brividi.

Ve ne parlo perchè può essere un bellissimo punto di riflessione su tanti argomenti, in questo periodo in cui le famiglie “diverse” sono all’ordine del giorno, partenda da cosa vuol dire “essere una famiglia” e arrivando fino ad aspetti più controversi come se sia meglio che i figli stiano con le mamme o con i papà, senza dimenticare che il legame può essere di sangue o fatto di convivenza, e gli altri ruoli, oltre alla mamma e il papà.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

mi sposo

mi sposo

Dicono che c’era una volta, un saggio e venerato maestro, noto per la sua bontà nei confronti di tutti gli esseri viventi, che arrivò ad un monastero e chiese di essere ospitato per qualche giorno.