facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

Ricordo quando sono arrivate le lattine con “apri facile”, ricordo che molte non si aprivano così facilmente e il mio fidanzato all’epoca si lamentava ogni volta. Per me non era un problema perchè avevo l’apri lattine.

Di questo sono passati più di vent’anni e di attrezzi che usiamo per fare qualsiasi attività con maggior facilità siamo stati invasi. I primi furono i telecomandi per non dover alzarsi per cambiare il canale o spegnere la televisione o altri elettrodomestici. Questi ci hanno resi sempre più sedentari e pigri.

Ma poi si sono aggiunti altri gadget di ogni tipo per rendere più facile qualsiasi attività. Perchè chiunque possa fare qualsiasi cosa senza bisogno di forza e soprattutto senza bisogno di pensare.

Ed è sempre peggio, più che altro per le nuove generazioni, già che si inizia sempre più presto con l’eccesso di protezionismo delle mamme con i loro bambini. Questi si abituano ad avere tutto facile e non rinforzano i muscoli quando sono più elastici. Li portiamo lo zaino all’uscita di scuola, facciamo di tutto perchè possano concentrarsi in quello che stanno facendo, e finiscono per non essere in grado di fare niente che esca dal loro solito.

Questo eccesso di attrezzi uccide la nostra immaginazione e la nostra creatività ma soprattutto ci rende più fragili e suscettibili alla frustrazione e al fatalismo…

Che ne dite? Proviamo a sviluppare i nostri muscoli e a pensare a come risolvere i nostri problemi anche senza gadgets? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Criminali come noi (2019)

Criminali come noi (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film argentino, bellissimo, che parla di una crisi economica come quella che si dice stia arrivando dopo il coronavirus, con Ricardo Darín, che in spagnolo ha il titolo meraviglioso di La odisea de los Giles, e hanno tristemente tradotto come Criminali Come Noi.

filtrare le notizie

filtrare le notizie

In questi giorni continuano ad arrivare messaggi di ogni tipo, su quello che sta sucedendo, nel nostro paese, negli altri paesi, che possono influenzare il nostro stato d’animo dando fuoco alle nostre emozioni più distruttive, come la paura e la rabbia.

il conto

il conto

Dopo un po’ di giorni, in cui tutti parlano di coronavirus, degli effetti della malattia e delle misure prese per sottometterla che stanno mettendo in moto i diversi paesi, dei suoi effetti anche economici, psicologici e sulla società, voglio dirmi la mia.