Evolvi il Tuo Cervello (2012)

Un libro molto interessante parlando di cambiare è il meraviglioso Evolvi il tuo cervello, di Joe Dispenza, sul nostro cervello e i suoi automatismi, la neuroplasticità, sulla nostra mente, sul nostro potere, e su come possiamo imparare ad usarli invece di farci usare.

Parla di come si è sviluppato il nostro cervello, non solo durante la nostra vita ma anche durante l’evoluzione, giacchè, in qualche modo, le nostre cellule e il nostro cervello sono il frutto dell’evoluzione della specie, oltre a della nostra individualità. Partendo dal fatto che nel nostro cervello ci sono diversi lobi, con diverse funzionalità e diverse capacità, che sono nati durante l’evoluzione per rispondere a nuove necessità:

  • Il cervello rettiliano, così chiamato perché il suo aspetto è simile a quello del cervello di un rettile, rappresenta la parte più antica del cervello, essendosi evoluta più di 500 milioni di anni fa, ed è legata all’aggressività, alla violenza e a una pulsione distruttiva e persino autodistruttiva.
  • Il cervello limbico, avrebbe fatto la sua comparsa da 300 a 200 milioni di anni fa, quando l’individuo diventa parte di un ecosistema in cui ci sono possibilità di mangiare ed essere mangiato, infatti è una fabbrica chimica e dirige la digestione, la pressione arteriale, gli ormoni e soprattutto, il pericolo, scegliendo fra fuggire o lottare.
  • Il neocervello o neocortex invece apparve circa 100 milioni di anni fa ed è ciò che ci dà la nostra peculiare qualità umana, impara a collaborare e a prevedere sempre più mosse.

Dispenza ci insegna come si collega questo con la mente, e come, partendo da questa base, ognuno di noi continua a svilupparsi in un certo modo e  a trasmettere questo sviluppo ai membri della propria famiglia.

In questo momento storico, il mondo della mente ha fatto passi da gigante con la scienza e questo ci ha messo davanti a nuove prove e nuove sfide, il nostro cervello è pronto ma… ci mancano l’educazione e l’allenamento.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.

perchè non si sforza di più?

Dicono che c’era un saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio. Una volta arrivò da lui una coppia sposata da molti anni che continuava a litigare e a rinfacciarsi ogni cosa. Le loro vite erano intrecciate e non facevano altro che lamentarsi l’uno dell’altro. A sentirli parlare sembrava che non facessero altro che ideare modi in cui farsi la vita impossibile.