enneagramma pratico

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo continuato a parlare di enneagramma e di enneatipi, fatto un’altro test e visto come usare nella pratica queste informazioni, non solo per ettichettare noi stessi o gli altri, ma… per comprendere quello che c’è sotto, quello di cui abbiamo bisogno e quello che potremo usare per uscire dai guai che questi bisogni ci creano.

 In questo mesetto (e per alcuni in quest’ultimo anno) in cui abbiamo fatto più volte il test, sia insieme che separatamente, non sempre è venuto lo stesso risultato. In più, con il secondo test, in cui per ogni domanda bisogna scegliere un numero e poi sommare quante volte ogni numero appare, a volte c’erano più numeri allo stesso valore o quasi. 

 Questo è perchè, come tutte le cose che veramente spiegano come funzioniamo, l’enneagramma è qualcosa di flessibile e dinamico. Per esempio, abbiamo visto che sotto stress un numero può tendere ad un’altro, e anche qualdo è rilassato.

 Gli enneatipi si creano partendo dalle ferite subite nell’infanzia, quando si stava creando la nostra personalità. Ma spesso le ferite sono più di una, e anche ci possono essere delle ferite subite successivamente che ci fanno comportare in modi diversi in momenti diversi.

L’importante è capire le relazioni fra un’enneatipo, i suoi punti deboli e di forza e tra i diversi enneatipi che si relazionano tra di loro. Così da poterle usare in ogni circostanza, più che ettichettare noi o gli altri, perchè le ettichette, ne abbiamo già parlato, sono più limitanti che funzionali.

 Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Che enneatipo vi corrisponde maggiormente? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.

scintille e fiamme

Parlando di emozioni, mi piace pensare che hanno una doppia causa, dal momento che sono delle reazioni che vengono da dentro ma lo fanno in risposta a situazioni che succedono sia dentro che fuori di noi.