Empatia

19 Sep 17

S pesso vi parlo dell’importanza delle parole. Di come per usiamo le parole senza pensarci molto, inconsapevoli del loro effetto su di noi. Abbiamo parlato di parole il cui significato crea fraintendimenti, come amore, sesso, denaro, abbondanza… o che hanno due significati quasi opposti e ci viene imposto uno dei due come unico (come dicevamo della responsabilità).

 Oggi voglio parlarvi di una parola che amo, la parola empatia. Molti credono di sapere cosa vuol dire, ma pochi lo sanno e ancora meno lo riescono a mettere in pratica…

L’empatia è una delle capacità dell’intelligenza emotiva che meno si conoscono… serve per aiutare gli altri, nel modo più funzionale e meno invadente. Lo sappiamo che aiutare è difficile perchè le persone spesso quando cerchiamo di aiutarle si difendono e rifiutano l’aiuto. Questo è perchè si sentono inferiori e bisognosi, e vedono nell’aiuto un giudizio severo per quanto nascosto.

Molti pensano che la parola empatia c’entri con simpatia. Pensano che per aiutare qualcuno serva la simpatia, tirarlo su, fargli sorridere… ma io credo sia molto più utile l’empatia. Perchè quando uno è giù, non riesce veramente a sorridere di cuore, solo superficialmente… invece l’empatia arriva alle profondità dell’anima.

L’empatia è la capacità di capire l’altra persona, di comprendere la sua sofferenza, di sentire il suo dolore, di ricordare di essere stato male quanto lui sta male adesso. Di scendere nelle sue profondità e prenderlo per mano per risalirci insieme.

Tutti siamo stati giù, forse non abbiamo avuto gli stessi problemi, forse non abbiamo avuto le stesse paure, forse non ci è successo esattamente la stessa cosa, ma i sintomi li conosciamo e li possiamo ricordare. Quel ricordo può aiutarci a connettere con l’altro. Dobbiamo solo fare attenzione a non perderci dentro.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.