due pesci

Dicono che c’era una volta uno scienziato pazzo che misse in un aquario due pesci che non avrebbero mai dovuto stare insieme, un pesce rosso e un piraña. Separati da un vetro trasparente perciò potevano vedersi ma non toccarsi, per vedere cosa facevano…

All’inizio, il piraña, quando vide il pesciolino rosso ebbe l’acquolina in bocca. Mentre lo guardava il suo piccolo cervello di pesce immaginava quanto sarebbe stato morbido tra i suoi denti, con quelle curve pienotte e attraenti. Non appena decise di avvicinarsi, però, finì contro il vetro e si fece molto male…

Ma questo non lo fermò, ci provò e riprovò più volte fino a quando ebbe tanto dolore che, diciamo, gli passò la fame. O meglio, quando vedeva il pesce rosso non vedeva più cibo ma dolore… e smisse di guardarlo, di pensare a come mangiarlo, si arrese.

Il pesce rosso, invece, all’inizio aveva avuto tanta paura del piraña, si muoveva solo per stare il più lontano possibile da lui, tremolante e allerta. Ma, quando vide che il piraña non si avvicinava più… si rilassò e si avvicinava persino al vetro che li divideva, divertito e curioso.

Ma lo scienziato non aveva finito il suo sperimento. Ad un certo punto decise di togliere il vetro e vedere se cambiava qualcosa. il piraña non notò la differenza, dato che ormai non si avvicinava nemmeno alla zona in cui prima c’era il vetro.

Il pesce rosso, invece, che nuotava sempre più tranquillo e libero, superò la limitazione che prima marcava il vetro e inizió a nuotare attorno al piraña, come se non fosse un cacciatore e ad avvicinarsi sempre di più.

Fino a quando il piraña, vedendolo sempre più vicino e sentendo persino il suo odore, in un momento se lo mangiò in un boccone.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…