due pesci

Dicono che c’era una volta uno scienziato pazzo che misse in un aquario due pesci che non avrebbero mai dovuto stare insieme, un pesce rosso e un piraña. Separati da un vetro trasparente perciò potevano vedersi ma non toccarsi, per vedere cosa facevano…

All’inizio, il piraña, quando vide il pesciolino rosso ebbe l’acquolina in bocca. Mentre lo guardava il suo piccolo cervello di pesce immaginava quanto sarebbe stato morbido tra i suoi denti, con quelle curve pienotte e attraenti. Non appena decise di avvicinarsi, però, finì contro il vetro e si fece molto male…

Ma questo non lo fermò, ci provò e riprovò più volte fino a quando ebbe tanto dolore che, diciamo, gli passò la fame. O meglio, quando vedeva il pesce rosso non vedeva più cibo ma dolore… e smisse di guardarlo, di pensare a come mangiarlo, si arrese.

Il pesce rosso, invece, all’inizio aveva avuto tanta paura del piraña, si muoveva solo per stare il più lontano possibile da lui, tremolante e allerta. Ma, quando vide che il piraña non si avvicinava più… si rilassò e si avvicinava persino al vetro che li divideva, divertito e curioso.

Ma lo scienziato non aveva finito il suo sperimento. Ad un certo punto decise di togliere il vetro e vedere se cambiava qualcosa. il piraña non notò la differenza, dato che ormai non si avvicinava nemmeno alla zona in cui prima c’era il vetro.

Il pesce rosso, invece, che nuotava sempre più tranquillo e libero, superò la limitazione che prima marcava il vetro e inizió a nuotare attorno al piraña, come se non fosse un cacciatore e ad avvicinarsi sempre di più.

Fino a quando il piraña, vedendolo sempre più vicino e sentendo persino il suo odore, in un momento se lo mangiò in un boccone.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…