dottore, non sto bene

D icono che c’era una volta, un uomo che andò dal dottore perchè non stava bene, aveva un malessere non facile da identificare, che gli stava rendendo la vita impossibile. Era iniziato come qualcosa di molto leggero ma era peggiorato ogni giorno.

— Mi aiuti, dottore — disse — Non posso vivere così, sto male e nessuno mi capisce, dicono che non ho niente ma io non sto bene, non riesco a fare nulla. Tutto sta andando a rotoli.

— Tutto? — chiese il dottore intuendo che c’era qualcosa di psicologico e che la cura poteva essere più semplice di quanto sembrava.

—Tutto. — rispose con un sospiro e un tremolio. Con tutto il corpo striminzito e curvo su se stesso.

— Capisco, capisco perfettamente, mi dispiace tanto che la morte di sua moglie l’abbia lasciato così solo.— disse il dottore molto serio.

— Mia moglie? — rispose stupito — ma… dottore mi confonde con qualcun’altro, mia moglie gode di ottima salute e non mi fa mai mancare nulla.

— Moglie in salute — ripetè il medico mentre lo scriveva su un foglio. — Mi scusi, domanda sbagliata, era uno dei suoi figli quello che si era ammalato, vero?

— I miei figli? Di cosa sta parlando dottore? — rispose iniziando ad arrabbiarsi —  I miei figli stanno benissimo, sia di salute che in tutti gli altri aspetti della vita, vanno bene a scuola e aiutano in casa. Sono dei regali per me e mia moglie.

— Figli in salute e che aiutano in casa — scrisse di nuovo il dottore sul suo foglio. — Mi scusi di nuovo, allora è il lavoro… ha perso il lavoro e alla sua età è difficile trovarne un’altro?

— Lavoro? — chiese l’uomo — Dottore, non ho perso il lavoro, ho un lavoro che mi piace anche se a volte è stancante. — mentre parlava il suo corpo si rilassava, la schiena, il viso, cambiavano visbilmente mentre iniziava a acapire. La gratitudine per quello che aveva stava facendo miracoli nel suo corpo e si sentiva meglio — Grazie dottore, sto molto meglio.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

mi sposo

mi sposo

Dicono che c’era una volta, un saggio e venerato maestro, noto per la sua bontà nei confronti di tutti gli esseri viventi, che arrivò ad un monastero e chiese di essere ospitato per qualche giorno.