Dobbiamo parlare (2015)

Cercando l’immagine per il post di martedì sul “bisogno di parla-re” sono venuta a sapere di questo film  Dobbiamo parlare. Una riflessione molto interessante sull’amore, sull’amicizia, sui detti e i non detti  per il quieto vivere o per abitudinarietà.

Due coppie che stanno insieme da anni, di amici che si conoscono da anni. Quattro persone in una casa, in una notte particolare, le circostanze gli fanno sputare tutte le cose che non si erano mai detti prima.

Partendo da relazioni parallele e di segreti nascosti al partner, alcuni anche confessati in amicizia, si scoperchia una cassa di Pandora di pensieri mai detti, di verità nascoste sotto la superficie e di sincerità pura e tagliente.

Alcune un po’ per ipocrisia, ma non solo. A volte, alcune cose non si dicono per paura di ferire l’altro, per “amore”. Altre non si dicono per paura di dover prenderci le nostre responsabilità, di dover poi agire di conseguenza.

Quattro personaggi completamente diversi, un chirurgo molto impegnato con il suo lavoro e con poco tempo, attenzioni per la sua compagna, con la quale tende a misurare tutto in soldoni; la moglie, dermatologa di buona famiglia molto più preoccupata delle opinioni degli altri e delle apparenze che dell’amore; uno scrittore che convive da anni con la sua giovane amante senza averle mai chiesto se per lei è importante che lui “ufficializzi” la separazione dalla moglie; e una giovane ghostwriter piena di paure e abituata a sopportare tutta una serie di piccole dimostrazioni di egocentrismo del partner senza mai dire una parola.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

mi sposo

mi sposo

Dicono che c’era una volta, un saggio e venerato maestro, noto per la sua bontà nei confronti di tutti gli esseri viventi, che arrivò ad un monastero e chiese di essere ospitato per qualche giorno.