di percorsi e di mete

Oggi voglio parlare di percorsi e di mete… Spesso si confondono quando parliamo a livello superficiale. Si confonde la strada con la meta e la tecniche o i metodi con gli obiettivi da raggiungere, gli sforzi con i risultati, e questo ci rende più difficile ottenere quello che desideriamo e vedere le nostre possibilità di azione.

È importante distinguere le due cose perchè hanno delle caratterisiche diverse e, confondendole, rischiamo di trarre conclusioni sbagliate e di pianificare azioni non funzionali come conseguenza. In realtà nella funzione ci sono tre variabili, il problema, il metodo o tecnica usato per risolverlo e l’obiettivo, o la situazione ideale senza il problema.

Spesso confondiamo la capacità di ottenere un risultato con l’efficacia del metodo utilizzato. Crediamo di non essere in grado di fare qualcosa quando in realtà non abbiamo trovato il metodo giusto. Spesso diciamo di “averle provate tutte” ma in realtà abbiamo solo provato tutto quello che conosciamo, ci sono sempre migliaia di altre opzioni nascoste che non vedremo se non impariamo a identificare correttamente il problema.

Possiamo insistere sulla necessità di usare una certa tecnica (o un certo metodo) per impararla, per allenarci, per conoscerla meglio. E questo è molto valido, a volte il problema è la nostra padronanza e va migliorata. Ma, se non funziona, per risolvere un problema in concreto, dovremmo usarne altre. Provare delle alternative finchè troviamo quella giusta.

Infatti, da ragazzini, gli inseganti fanno ripettere tutto mille volte per imparare le tecniche e, quando se ne conoscono tante, quando siamo cresciuti, possiamo scegliere la più adatta. Anche questo vuol dire diventare adulti e responsabili. E, ogni volta che qualcosa non va come previsto, di nuovo, perchè il percorso è fatto di tappe, e non sempre due tappe simili devono essere percorse allo stesso modo, a volte bisogna cambiare

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.