di percorsi e di mete

Oggi voglio parlare di percorsi e di mete… Spesso si confondono quando parliamo a livello superficiale. Si confonde la strada con la meta e la tecniche o i metodi con gli obiettivi da raggiungere, gli sforzi con i risultati, e questo ci rende più difficile ottenere quello che desideriamo e vedere le nostre possibilità di azione.

È importante distinguere le due cose perchè hanno delle caratterisiche diverse e, confondendole, rischiamo di trarre conclusioni sbagliate e di pianificare azioni non funzionali come conseguenza. In realtà nella funzione ci sono tre variabili, il problema, il metodo o tecnica usato per risolverlo e l’obiettivo, o la situazione ideale senza il problema.

Spesso confondiamo la capacità di ottenere un risultato con l’efficacia del metodo utilizzato. Crediamo di non essere in grado di fare qualcosa quando in realtà non abbiamo trovato il metodo giusto. Spesso diciamo di “averle provate tutte” ma in realtà abbiamo solo provato tutto quello che conosciamo, ci sono sempre migliaia di altre opzioni nascoste che non vedremo se non impariamo a identificare correttamente il problema.

Possiamo insistere sulla necessità di usare una certa tecnica (o un certo metodo) per impararla, per allenarci, per conoscerla meglio. E questo è molto valido, a volte il problema è la nostra padronanza e va migliorata. Ma, se non funziona, per risolvere un problema in concreto, dovremmo usarne altre. Provare delle alternative finchè troviamo quella giusta.

Infatti, da ragazzini, gli inseganti fanno ripettere tutto mille volte per imparare le tecniche e, quando se ne conoscono tante, quando siamo cresciuti, possiamo scegliere la più adatta. Anche questo vuol dire diventare adulti e responsabili. E, ogni volta che qualcosa non va come previsto, di nuovo, perchè il percorso è fatto di tappe, e non sempre due tappe simili devono essere percorse allo stesso modo, a volte bisogna cambiare

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.