delitto e castigo

Abbiamo sempre parlato molto di perdono, e di come perdonare non voglia dire permettere che i malfatti continuino ma allontanare il malfattore senza rancore. Ma, a volte, per evitare che il malfattore continui serve un castigo. Come si coniuga il perdono con il castigo? E, soprattutto come può aiutarci il perdono a migliorare l’efficacia del castigo?

In primo luogo, dobbiamo chiederci se siamo noi la persona adatta e preposta a farlo. Per esempio, con nostro figlio, chiaramente il primo livello di castigo e di educazione dobbiamo farlo noi, ma se ci scappa di mano potrebbe finire nelle mani della giustizia se comette un vero reato. Castigare è dare limiti, è educare, non possiamo farlo con chiunque, ma solo con chi accetterà la nostra autorità per farlo.

In secondo luogo, dobbiamo comprendere l’obiettivo della punizione, che è evitare che la situazione si ripeta in futuro. Qualsiasi altro obiettivo esula da quello di cui stiamo parlando, e dimostra che non abbiamo perdonato. Una punizione deve essere scelta senza lasciare entrare le emozioni di chi sente di avere subito un torto, o perderà di efficacia.

In terzo luogo, fare attenzione alle motivazioni, non solo per questioni attenuanti, ma perchè più approfondita sarà la nostra analisi più utile sarà per provocare il cambiamento di condotta che vogliamo produrre. Se una persona ruba perchè ha fame, possiamo insistere quanto vogliamo a punirla per le ruberie ma finchè non le togliamo la fame sarà difficile che otteniamo risultati duraturi.

Per finire, c’è sempre la questione della proporzionalità, la punizione deve essere proporzionale al delitto, solo così si può ottenere l’accettazione da parte del punito il messaggio che vogliamo trasmettergli. Se la punizione è eccessiva risveglierà un drago arrabbiato e vendicatore e ci si ritorcerà contro. Se è troppo leggera, non trasmetterà l’importanza della lezione e verrà dimenticata in fretta.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

enneagramma

Al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di un argomento leggermente diverso da quelli delle ultime settimane, anche se sempre utile per conoscerci meglio, comprendere cosa ci muove, le risorse, i pensieri compulsivi, ecc. La semplicità e la chiarezza del sistema lo rendono ideale per l’autoconoscenza, l’educazione, il rapporto di coppia, i rapporti sociali, l’ambito aziendale e qualsiasi dinamica di gruppo.

forza e coraggio

Abbiamo detto in diverse occasioni che il lavoro che facciamo per cambiare punto di vista prevede di “disimparare” il significato che diamo normalmente ad alcune parole. Una di queste parole è “forza”, siete come me, spesso vi sentirete dire che siete forti, ma viene usato in un modo che sembra più una condanna che qualcosa di positivo…

ce l’hai con me?

Dicono che c’era una volta, un uomo disperato dopo una giornata terribile entro in chiesa piangendo e riuscì a parlare con Dio.
— Posso farti una domanda? — chiese.
— Certo — rispose Dio.
— Promettimi che non ti arrabbierai ..
— Prometto — rispose Dio — Non sono uno che si arrabbia così facilmente…

se ti ho incuriosito...