Dan sha ri (2017)

Oggi voglio parlare di nuovo di un libro sull’ordine perchè questa estate sto facendo grandi pulizie arriva dal Giappone come quello di cui abbiamo già parlato di Marie Kondò, ma con un approccio più esteso,  Dan Sha ri, riordina la tua vita, che sfrutta l’idea del riordino come spunto per analizzare il rapporto con le cose e con noi stessi.

I concetti che più mi sono piacciuti sono:

  • il modo in cui paragona alcuni oggetti a quegli amici, che sono tanto meravigliosi in un momento della nostra vita ma poi si allontanano perchè la vita ci porta in direzioni diverse. Con la differenza che gli amici si allontanano di loro e dobbiamo solo lasciarli andare, mentre invece, le cose, dobbiamo mandarle via noi;
  • il modo in cui riflette sul concetto di spreco e le sue due varianti. Ad ogni momento in cui dobbiamo decidere se continuare come fino ad oggi o cambiare; ogni passo sulla stessa strada o su una strada diversa, suppone uno spreco di possibilità diverse se continuiamo sulla stessa strada o degli investimenti precedenti se decidiamo di cambiarla;
  • il modo in cui descrive il disordine come un’otturazione in una tubatura o in un sistema, che impedisce di fluire all’energia;
  • il modo in cui, come me, dice che le cose dovrebbero essere meno importanti delle persone, e ci invita a riprenderci il nostro potere, analizzando il tempo a cui sono legate le cose (e la loro energia) perchè se è passato o futuro ci toglierà energia nel momento presente.

Ma, soprattutto, il modo in cui descrive il prorpio Dan Sha e Ri, i tre ideogrammi giapponesi che significano rispettivamente rifiuto di ciò che non serve (chiudere il rubinetto di entrata), eliminazione di ciò che già possedete che non serve (aprire il rubinetto in uscita) e separazione da ogni desiderio di ciò che non serve (amare a tal punto quel che rimane che l’ordine diventa naturale).

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…

paradossi

I paradossi, secondo wikipedia, sono fatti che contraddicono l’opinione comune o l’esperienza quotidiana, la logica, la razionalità, che porta a una contraddizione, a qualcosa che non riusciamo a comprendere, o a capire, che ci mette in difficoltà.