cosa vuoi cambiare?

I eri all’evento di facciamo pace, abbiamo parlato, come promesso di cambiamento e di efficienza ma anche di soddisfazioni, anche di quali cose ci darebbe più soddisfazioni cambiare, di quali cambiamenti ci renderebbero più felici, sereni e ci farebbero sentire più forti e capaci.

Abbiamo già detto più volte che non è tanto importante quello che facciamo quanto come le facciamo, quello che sentiamo mentre lo facciamo, l’energia o la motivazione con cui facciamo le cose. Ci sono sempre due motivazioni originarie, la paura e l’amore, che si trasformano in altretante emozioni e pensieri. Dietro al senso del dovere e al bisogno di denaro o approvazione si nasconde la paura, dietro alla gioia, alla felicità e alla serenità si nasconde l’amore.

E ogni volta che facciamo qualcosa, a seconda dell’energia che ci mettiamo dentro, il nostro genio ingenuo ci manda più situazioni e persone che ci danno quell’energia. Perciò dobbiamo stare attenti alle cose che facciamo, e capire se le facciamo perchè dobbiamo o perchè lo scegliamo noi. Perchè tutto quello che facciamo perchè dobbiamo ci fa sentire più impotenti e piccoli e quello che facciamo perchè lo scegliamo noi, ci fa sentire più grandi, potenti e capaci.

Perciò abbiamo parlato di come fare per diminuire le cose che facciamo perchè dobbiamo. Per prima cosa dobbiamo scrivere un elenco di tutte le cose che facciamo perchè dobbiamo: tutte le cose che facciamo per dovere, legate ad un nostro ruolo, caratteristica o capacità, per denaro, cose che facciamo per avere l’approvazione degli altri in generale, o di qualcuno in particolare, per evitare una punizione, o la vergogna o il senso di colpa… ci tolgono energie.

Una volta fatta la lista, pero ogni voce dobbiamo capire se possiamo smettere di farlo o, in caso contrario, se possiamo farlo con una energia diversa. Per esempio, nella lista potrebbe esserci portare i figli a scuola, è un’attività che i genitori “devono” fare e che toglie tempo alla propria preparazione e inizio giornata. Posso trovare qualcun’altro che lo faccia, persino pagando, tipo una baby sitter, o posso farla con un energia diversa, approfittare per creare un legame più saldo con loro… ecc.

O potrebbe esserci qualche aspetto legato al lavoro, un lavoro che non ci piace, o un orario, o un capo, o dei colleghi che ci mettono in difficoltà perchè hanno modi di fare molto diversi dei nostri e le nostre credenze o giudizi nei loro o nei nostri confronti continuano ad urlarci di smettere. Anche in questo caso, la proposta è sempre la stessa, trovare il modo di smettere di metterci in quelle situazioni o cambiare l’energia dei pensieri che abbiamo mentre siamo dentro.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

come e quando cambiare?

Ieri all’evento di facciamo pace, abbiamo parlato, come promesso di cambiamento, di quando e come cambiare, nel modo più semplice ed efficace, che è allenandoci poco a poco, dividendo il problema in piccoli problemi e attaccandoli uno ad uno, con un processo continuo che ci renderà sempre più capaci.

non ti preoccupare

Una delle cose che molte volte fraintendiamo è il bisogno e l’utilità della preoccupazione, spesso mi capita di dire a qualcuno di preoccuparsi meno e mi risponde che non è possibile, che deve preoccuparsi, che se non si preoccupasse sarebbe senza cuore. Invece, il cuore non si preoccupa, non capisce niente di futuro e di passato.

l’alieno curioso

Dicono che un giorno un alieno atterrò con la sua astronave sulla Terra. Era un ricercatore, un eterno studente che amava viaggiare nello spazio alla ricerca di altre forme d’intelligenza con cui confrontarsi per ampliare le sue capacità e possibilità. Una volta aperto il portello, si trovò davanti edifici in rovina, strade dissestate, esseri umani intenti a chiedere l’elemosina.

Reinventa Te Stesso (2009)

Un altro libro molto interessante parlando di cambiare è il meraviglioso Reinventa te stesso, di Steve Chandler, che ci spiega come possiamo cambiare quello che siamo, in qualsiasi momento, se non ci piace quello che siamo diventati, perchè non siamo oggetti ma persone in divenire…

Split (2016)

Oggi voglio parlarvi di un thriller psicologico molto speciale, Split, scritto e diretto da M. Night Shyamalan, una storia terribile sulle personalità multipli e le loro caratteristiche, psicologiche e persino fisiche… ma anche su come si formano e perchè, secondo una teoria molto speciale, sono il prossimo passo dell’evoluzione umana.

se ti ho incuriosito...