corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

 Mi ha ispirata soprattutto la riluttanza assoluta di una amica psicologa ad accettare il concetto di spirito e la sua connessione con la vita oltre la morte del corpo, la reincarnazione, l’inconscio familiare nascosto nel DNA (di cui abbiamo parlato quando parlavamo delle quattro vite) e tutte le possibilità che questo comporta.

Il fatto è che, per come la vedo io e molti degli autori con cui mi sono formata, noi abbiamo una triple componente:

  • con un corpo visibile e percepibile attraverso i sensi, che sembra qualcosa di finito, statico e compiuto anche se in realtà è in continuo divenire. Come la superficie delle isole che vediamo nel disegno, anche esse possono cambiare, anzi, cambiano… nel tempo;
  • sotto, se approfondiamo, dietro al corpo troviamo una mente, per alcuni autori mente e anima sono la stessa cosa, che può modificare il corpo e le sue percezioni, azioni (e di conseguenza i risultati) in maniera conscia o inconscia, e che è slegato dal resto, con la sua personalità. Come la parte delle isole che è fuori dall’acqua e che sembra essere completamente staccata dal resto;
  • ma ancora sotto, se continuiamo ad approfondire, dietro troviamo qualcosa di indistinto, qualcosa senza la quale non saremo noi ma che non è più “noi”, che non è più separata, che non ha più una personalità, ed è quello che chiamiamo spirito. Nel nostro disegno è la corteccia della terra sotto l’acqua, è sotto ad ogni isola e la sostiene, ma non è l’isola, non le appartiene.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

Scusate se esisto (2014)

Scusate se esisto (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di una commedia italiana con la meravigliosa Paola Cortellesi e un bellissimo e delizioso Raoul Bova gay, Scusate se esisto!. L’ennesima dimostrazione dell’umore che serve per vivere in questo nostro paese con le sue complessità e paradossi.

questione di priorità

questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto chein un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

voglio il gelato

voglio il gelato

Tanti anni fa, quando sono arrivata in Italia, ho fatto l’animatrice volontaria per un progetto di accoglienza di bambini bielorussi. Stavano in Italia due settimane e anche se la sera stavano con le famiglie, durante il giorno li tenevamo tutti insieme e li portavamo in piscina, a giocare, ecc.

acqua e sale

acqua e sale

Dicono che c’era una volta un anziano maestro stanco dei costanti dubbi e delle lamentele di uno dei suoi discepoli. Vedeva solo il lato negativo delle cose e si rifiutava di ascoltare nulla che non fosse quello che sperava di sentire.