corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

 Mi ha ispirata soprattutto la riluttanza assoluta di una amica psicologa ad accettare il concetto di spirito e la sua connessione con la vita oltre la morte del corpo, la reincarnazione, l’inconscio familiare nascosto nel DNA (di cui abbiamo parlato quando parlavamo delle quattro vite) e tutte le possibilità che questo comporta.

Il fatto è che, per come la vedo io e molti degli autori con cui mi sono formata, noi abbiamo una triple componente:

  • con un corpo visibile e percepibile attraverso i sensi, che sembra qualcosa di finito, statico e compiuto anche se in realtà è in continuo divenire. Come la superficie delle isole che vediamo nel disegno, anche esse possono cambiare, anzi, cambiano… nel tempo;
  • sotto, se approfondiamo, dietro al corpo troviamo una mente, per alcuni autori mente e anima sono la stessa cosa, che può modificare il corpo e le sue percezioni, azioni (e di conseguenza i risultati) in maniera conscia o inconscia, e che è slegato dal resto, con la sua personalità. Come la parte delle isole che è fuori dall’acqua e che sembra essere completamente staccata dal resto;
  • ma ancora sotto, se continuiamo ad approfondire, dietro troviamo qualcosa di indistinto, qualcosa senza la quale non saremo noi ma che non è più “noi”, che non è più separata, che non ha più una personalità, ed è quello che chiamiamo spirito. Nel nostro disegno è la corteccia della terra sotto l’acqua, è sotto ad ogni isola e la sostiene, ma non è l’isola, non le appartiene.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.

Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino (2005)

Dopo quello dei bambini mi sono letta anche un’altro libro di Adele Faber ed Elaine Mazlish, Come Parlare Perché i Ragazzi ti Ascoltino & Come Ascoltare Perché ti Parlino, dedicato alle problematiche con i ragazzi adolescenti, più grandi, più caparbi e più soggetti a rischi incontrollabili dalla la loro maggiore autonomia.