conflitti di desideri

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di desideri, di come definirli e metterli bianco su nero, per chiedere aiuto all’universo o, per gli scettici, almeno per fare chiarezza e di aumentare la nostra consapevolezza su quello che vogliamo e quello che desideriamo e sulle ragioni per cui, spesso, non lo otteniamo.

 Perchè la maggior parte delle volte non otteniamo ciò che desideriamo per un conflitto fra diversi desideri… e solo facendo chiarezza su ogni cosa che desideriamo possiamo fare luce sui punti in cui si fanno concorrenza.

Secondo la tecnica dei 101 desideri dovremmo scrivere 150 cose che vogliamo per scegliere 101. E poi l’uniiverso si occuperà di tutto e li farà avverare se li definiamo seguento queste premesse:

  1. iniziando con io voglio o io desidero;
  2. in positivo, niente negazioni;
  3. chiedere quello che vogliamo e non soldi;
  4. il più concreti possibile
  5. evitando paragoni, desideri originali;
  6. per noi e non per altri;
  7. senza ripetizioni, senza desideri seriali;
  8. senza diminutivi o vezzeggiativi;
  9. massimo 14 parole (un fiato);
  10. senza chiedere cose con persone concrete…

 Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Avete mai provato la tecnica? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.