condividere il taxi

Noelle ultime settimane ho iniziato un corso meraviglioso, in spagnolo, in cui si utilizzano dei racconti fiabeschi per entrare in contatto con l’inconscio, con l’anima, con quella parte di noi più nascosta che normalmente non ascoltiamo.

L’insegnante, che si fa chiamare pilota perchè ti “porta” in questo viaggio verso il tuo interno, oltre alle lezioni, ogni tanto fa delle puntate speciali dedicate a diversi argomenti e una di quelle che ho adorato è stata quella sulla coppia. Anche se secondo me si potrebbe allargare a qualsiasi tipo di rapporto, non solo di coppia.

Dice che quando conosciamo qualcuno è come se fossimo in aeroporto alla coda per prendere il taxi, e i taxi sono abbastanza grandi da entrare con altre persone perciò scegliamo qualcuno con cui condividere “il taxi”. Ma ci devono stare i bagagli di entrambi… Perciò se abbiamo troppe valigie facciamo fatica.

In più, dice, quando arriviamo in albergo, e tiriamo fuori le cose dalle borse, devono stare bene anche all’altro. Perchè tutto quello che portiamo sono cose che abbiamo preso da altri e che continuiamo a voler vedere attorno a noi. Non sempre sono cose carine, ma sono cose di cui crediamo di avere bisgono.

Che ne pensate? Vi sembra interessante come metafora?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.