Come Parlare Perché i Bambini ti Ascoltino (1980)

In questi giorni ho letto il libro di  Adele Faber ed Elaine Mazlish esperte in comunicazione intergenerazionale, Come Parlare Perché i Bambini ti Ascoltino & Come Ascoltare Perché ti Parlino, secondo le autrici, La Bibbia dei genitori, scritta dopo i feedback ottenuti negli ultimi anni dai lettori e dai frequentatori dei loro seminari sulla comunicazione efficace con i loro figli.

In questo manuale longseller, che unisce testo e apparato grafico, e che viene arricchito di questionari, vignette, schemi ed esempi, le autrici rivedono i loro consigli alla luce di come stanno crescendo le nuove generazioni di «nativi digitali» che pongono inedite sfide a chi si occupa di loro.

Questo classico della pedagogia, punto di riferimento sicuro e aggiornato per tutte le questioni educative che si pongono nella vita quotidiana, vi insegnerà tra l’altro a:

  • gestire rabbia, frustrazione, delusione e altre emozioni negative dei bambini, e anche quelle nostre come genitori, comprendendo che le emozioni sono rispettabili e accettabili e non qualcosa da nascondere;
  • stabilire regole ferme (e farle rispettare) con la colaborazione dei bambini, dando loro delle responsabilità e sfide adeguate alla loro età;
  • trovare alternative efficaci alle punizioni, che in fondo non sono mai servite a nulla, basta ricordare gli effetti che ebbero con noi quando a punirci erano i nostri genitori;
  • guadagnare la collaborazione attiva dei più piccoli, sfruttare la loro creatività, la loro volontà e la loro iniziativa;
  • risolvere i conflitti familiari, usando tecnice di mediazione come quelle che potremo usare per risolvere i conflitti fra adulti, invece di cercare sempre di imporci.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.