cocreazione

Spesso parliamo di cocreazione, e vorrei chiarire bene a cosa mi riferisco perchè non è un termine che trovo spesso in giro. Il termine cocreazione lo usiamo per rappresentare il fatto che siamo creatori ma non abbiamo un potere assoluto. Siamo creatori ma, siccome lo siamo tutti, siccome non siamo gli unici creatori, non possiamo fare che tutto sia come vorremmo.

L’onnipotenza dell’uomo, secondo Emilio Carrillo, che è uno dei maestri che seguo in spagnolo, non è tanto un “potere fare qualsiasi cosa” quanto un potere sia sopravvivere che essere felice “in qualsiasi circostanza“. Questa definizione potremmo anche allargarla a Dio, giacchè, essendoci il libero arbitrio, nemmeno lui può farci fare tutto quello che vuole.

Tornando alla parola cocreazione, potremo usare come esempio la frutta. Se vogliamo avere della frutta, e non viviamo in una città in cui possiamo andare a prenderla al supermercato, dobbiamo coltivarla. Per coltivare la frutta dobbiamo prima preparare la terra, poi seminare, annaffiare, sperare che germogli, togliere le erbacce e gli insetti che potrebbero uccidere le nostre piante, aspettare che la pianta cresca, che fiorisca, che venga impollinata dagli insetti giusti, e solo dopo che dia frutti. In qualsiasi momento può arrivare una tempesta e rovinare tutto. Ma, se noi non facciamo tutte le cose sopra descritte, anche senza tempesta non avremmo la frutta.

Questo è un po’ valido per qualsiasi cosa nella vita, come diceva Ortega y Gasset, siamo noi e le nostre ciscrostanze. Da una parte stiamo noi, quello che vogliamo, quello che dobbiamo fare per ottenerlo, e dall’altra le nostre circostanze, le difficoltà, le facilità, le prove da superare e le lezioni da imparare in questa meravigliosa vacanza studio.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.