chimica e alchimia

Dicono che c’era una volta un allievo molto curioso che chiese al suo maestro la differenza tra chimica e alchimia nella coppia? Il maestro sorrise e disse: “è molto più semplice di quanto sembra, e non funziona solo nella coppia ma in tutte le relazioni”.

 Le persone che cercano la chimica sono scienziati dell’amore,
cioè sono abituati all’azione e alla reazione. Le persone che trovano l’alchimia sono artisti dell’amore, creano costantemente nuovi modi di amare. Quelli di noi che siamo sia scienziati che artisti possiamo anche vivere esperienze di entrambi i tipi perciò è importante distinguerle.

Quando ci comportiamo da chimici amiamo per necessità. Quando viviamo da alchimisti amiamo per scelta. Molti si accontentano della chimica, ha un buon rapporto qualità prezzo. Solo alcuni trovano l’alchimia, serve sacrificare delle credenze limitanti e non tutti capiscono l’utilità di questo investimento.

La chimica muore col tempo. L’ alchimia nasce attraverso il tempo.
La chimica ama la confezione. L’ alchimia gode del contenuto. La chimica succede. L’alchimia si costruisce. La chimica attira e distrae, mentre l’ alchimia integra il principio maschile e femminile, trasformandosi in un rapporto di individui liberi e con le ali proprie, e non in un’attrazione che è soggetta ai capricci dell’ego.

In conclusione, disse il maestro guardando i suoi allievi:

L’ alchimia raccoglie ciò che la chimica separa, lo porta fuori dal laboratorio e lo fa vivere nel mondo. L’ alchimia costruisce un matrimonio reale, con momenti migliori e peggiori, ma con un obiettivo più importante, più a lungo termine, più profondo.

La chimica facilmente finisce con un divorzio che vediamo ogni giorno nella maggior parte delle coppie, perchè appena cambiano le circostanze, possono cambiare i loro risultati ed è troppo superficiale per tenere duro…

In tutte le relazioni, cercate l’alchimia, coltivate l’alchimia, costruite l’alchimia, fate di tutto per essere scelti dall’alchimia e per crescere ed evolvervi con essa… ne vale la pena.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Malati di sesso (2018)

Anche questa settimana, una commedia italiana, Malati di sesso, con Francesco Apolloni, che oltre a protagonista è anche sceneggiatore e Gaia Bermani Amaral. Una commedia sentimentale sull’amore e il sesso, sulle donne e gli uomini, molto più simili di quanto normalmente ce li raccontino.

ma… tu, ti ami?

Dopo l’incontro della settimana scorsa di facciamo pace, parlando di quanto ci conosciamo siamo finiti a parlare di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e ho avuto una delle mie piccole illuminazioni sull’amore incondizionato e sulle basi su cui si possa costruire.

amore, in che senso?

Spesso mi capita di sentire delle persone che dicono che l’amore per gli animali o “ricevuto” dagli animali è meglio di quello delle persone. Dicono che i cani siano più fedeli, che ci amino incondizionatamente e che sia meglio avere affianco un cane che un uomo…