Chiamati all’Amore (2011)

Oggi voglio parlarvi di un altro libro di Anthony de MelloChiamati all’Amore, che è un po’ come il corso in miracoli, una rilettura, una spiegazione molto personale del messaggio della bibbia e di Gesù. Una lettura molto più positiva, più fiduciosa nelle capacità dell’uomo.

Uno dei concetti che più mi piace come spiega è quello delle differenze fra l’amore vero (incondizionato) e l’amore di cui parla la nostra cultura, la nostra letteratura, le canzoni romantiche. Per lui, l’amore vero è la nostra natura come uomini, infatti, il titolo, chiamati all’amore, assevera proprio questo. L’amore è qualcosa che ci nutre, ci fa sentire più forti e più capaci di fare qualsiasi cosa. Invece, l’idea di amore che si è diffusa di più è quella dell’amore dipendente, che in realtà è una droga. Che ci fa sentire invincibili nel momento in cui la consumiamo e ci fa effetto. Ma poi, non appena l’effetto passa, ci fa sentire indifesi, dipendenti e biosgnosi di un’altra dose.

Da qui che la maggior parte dei nostri problemi venga dall’attaccamento. Dal fatto che deleghiamo negli altri la capacità di farci felici, invece di capire cosa possiamo fare noi stessi per essere felici. Dal fatto che abbiamo rinunciato alla nostra libertà per paura di attraversare la sofferenza ma, la felicità si trova proprio li, dall’altro lato dalla paura.

E non solo dall’attaccamento alle persone a noi care, ma anche alle nostre idee, alle nostre credenze. Come spiega con parole semplici, quando troviamo una realtà che è diversa dal nostro pensiero… perdiamo moltissime energie e tempo a giudicare e cercare di cambiare la realtà, quando sarebbe molto più utile e funzionale cambiare il pensiero e ricostruirlo in modo che accolga la realtà com’è, come potrebbe diventare e tutte le cose che dovremmo fare perchè sia così.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

non dovevi

Una di quelle frasi che molti ripetono per “educazione” senza pensare bene cosa vuol dire, cosa stanno dicendo in realtà è “non dovevi”. Tipo quando ricevono un regalo, un favore, una spiegazione. Oggi vorrei riflettere un secondo su quanto possa essere distruttiva questa frase.

Anatomia della Coppia (2015)

In questi giorni ho letto il libro di Erica Francesca Poli, Anatomia della Coppia, I sette principi dell’amore. Un compendio di tante cose, con tanti spunti interessanti, dalla spiritualità alle neuroscenze e tante fonti, alcuni che conoscevo e altre che ho scoperto grazie a lei.

Replicas (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film fantascientifico americano, con il grandioso Keanu Reeves, (che ricordiamo per il ruolo di Neo in Matrix): Replicas. Un film che riprende uno degli argomenti più classici, quello della non accettazione della morte, e del desiderio di risurrezione degli esseri che amiamo.