chi ti ha fatto male?

Ieri a facciamo pace ho raccontato come questo weekend, mentre facevo mediazione famigliare, ho avuto una sensazione costante di dejà vue. Parlavo e parlavo ma le mie parole dovevano combattere con le solite idee che ci hanno inculcato fin da piccoli per poterci manipolare più facilmente. Sia chiaro che non sto giudicando, non credo che questo sia stato fatto di proposito nè con cattiveria, ma vedo gli effetti ogni giorno e i libri che mi hanno insegnato a pensare in un modo diverso mi hanno aiutato molto.

Una delle bugie più importanti è proprio questa: qualcuno ti ha fatto male, anche solo qualcuno può farti male. Questa credenza si insinua nel passaggio dalle sensazioni ai sentimenti. Vi racconto come la vedo io:

Quando ci sentiamo male, giustmente, lo primero che facciamo è chiederci perchè. In funzione della risposta a questa domanda cambieranno i nostri sentimenti e la nostra capacità per risolvere il problema.

  • se crediamo che la causa è esterna, i sentimenti che affioreranno saranno la rabbia, la tristezza e l’impotenza… In questo modo, gli altri sono variabili del problema, che dovrebbero cambiare perchè noi possiamo risolvere. E noi possiamo solo attendere, sperare e spesso disperare.
  • se crediamo che la causa è interna, invece, potremo sentire la serenità, l’assertività e la forza… in questo caso, gli altri sono costanti nel nostro problema e le variabili sono tutte in nostro spotere.

Finchè crederemo che possiamo stare male per quello che fa o ha fatto qualcun’altro non potremo recuperare il controllo della nostra vita. Quando capiamo che quello che ci ferisce non è quello che ci hanno fatto ma il giudizio che noi facciamo di ciò, e che basterebbe cambiare questo per stare meglio… sarebbe da sciocchi non farlo, no?

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.