che ne sai di te?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo riflettuto su chi siamo e su quanti siamo, sulle voci nella nostra testa e su come fare per aumentare la nostra consapevolezza e la nostra capacità di ascoltare queste voci e di guardarle in faccia, come in uno specchio.

 Abbiamo parlato di come nascono le voci, ogni volta che c’è qualcosa che ci sconvolge, che succede qualcosa di brutto e inatteso, o che non succede qualcosa di buono che aspettavamo, è come se una parte di noi si staccasse, e rimanesse dentro di noi, ferma nel suo sviluppo, come un consulente interno.

È come se, all’interno della nostra testa, ci fossero tante persone o personalità, di diverse età con la stessa faccia, ognuna con le idee che avevamo quando è successo quello che la ha fatta nascere.

E abbiamo parlato di alcune tecniche, come quella del parts’ party, per poter farle parlare e riassorbirle. In modo di riavere le loro risorse sotto il nostro comando.

Di ballare con loro allo specchio come in questo video. Ascoltando quello che hanno da dire e abbracciando loro quando ne hanno bisogno.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.

I Guardiani del Destino (2011)

I Guardiani del Destino (2011)

Lo scorso weekend, tra i film che abbiamo visto al seminario di Igor Sibaldi sulle Conversazioni con gli dei, c’era I guardiani del destino, con Matt Damon e Emily Blunt. Una riflessione molto interessante sul destino e i piani che ha in serbo per noi.