capire bene il problema

La settimna scorsa abbiamo parlato molto con diverse persone di come spesso quando non riusciamo a risolvere i problemi, ci ostiniamo a provare diverse soluzioni o a rincarare le dosi delle stesse, ma raramente funziona. Ci arrabbiamo sempre di più ed entriamo in un loop di frustrazione sempre maggiore quando in realtà dovremo riesaminare il problema.

A me, una delle frasi che più mi ha sconvolto la vita è stata questa: “quando la soluzione ad un problema non funziona, forse il problema non è la soluzione, ma il problema”. La prima volta bisogna leggerla, o pensarla, più volte… per mandarla giù perchè sembra uno scioglilingua. Voglio spiegarvela con un esempio. Infatti voglio raccontarvi una storia vera, successa all’inizio dell’estate, a me.

Chi mi conosce sa che la cosa in cui riesco a seguire meno i miei consigli è quella di fare solo una cosa alla volta. Faccio veramente fatica a finire le cose e mi sento meglio nel caos che in un finto ordine. Come il mio solito, stavo ordinando vestiti, miei e delle mie figlie, piegando e preparando quelli da mettere nei cassetti appena lavati e anche facendo un po’ di cambio di stagione che preferisco farlo poco a poco; in più, approfittando che le ragazze erano già in vacanza, stavo organizzando cose che non usiamo più per darle via, e anche i miei appunti e documenti in un’attività di space clearing a modo mio… perciò la casa era piena, ogni tavolo, sedia e mensola.

Allo stesso tempo aggiustavo un computer che da più di un anno ha dei problemi… e, mentre lui lavorava da solo, facendo aggiornamenti su aggiornamenti, ho deciso di lasciare tutto a metà per lavare il frigo e sbrinare il freezer approfittando che non c’era nessuno in casa e perciò anche loro erano particolarmente vuoti. Ad un certo punto sono andata a dormire e ho lasciato che il computer lavorasse da solo.

Il giorno dopo quando mi sono alzata, il computer non si accendeva. Il tecnico che c’è in me ha cambiato presa sperando che il problema non fossero nè il computer nè il cavo. E ha funzionato, perciò ho aggiunto alla lista di cose da comprare una nuova presa (una presa multipla che ho messo a muro affianco al frigo) esattamente uguale a quella che si era rotta. Ma, poi, pulendo per terra, ho notato che la multipresa era solo staccata.

Il problema l’avrei risolto anche comprando quella nuova ma non avendolo capito bene, avrei spreccato energie e denaro; perchè non lo avevo capito bene.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Metti la nonna in freezer (2018)

Oggi voglio parlarvi di una commedia italiana, di quest’anno, con Fabio De Luigi e Miriam Leone, Metti la nonna in freezer. Una storia meravigliosa sulle regole, sulla gente che le fa rispettare e quella che le infringe, con grande immaginazione, con la inventiva, che ha creato il malcostume italico determinato a stanare falsi invalidi, cronici evasori e impiegati in cerca di mazzette.

archetipi personali

In questo mese di ottobre, continueremo a parlare di archetipi, e al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di alcuni vedremo come individuare i propri archetipi personali e come sfruttare al meglio quest’informazione. Vedremo una serie di archetipi che possiamo definire di base e universali seguendo il libro di Caroline Myss e come capire se ci appartengono o meno.

il peso karmico

Oggi voglio parlare di karma e del peso che può avere nelle nostre vite… Spesso incontro persone che mi fanno notare quanta fatica fanno a ottenere cose che per altri sono, o sembrano, semplici. Gente che si lamenta di quanto sia difficile la convivenza con la propria famiglia o il proprio lavoro e quanto sembrino leggere le famiglie o i lavori degli altri.

una persona sgradevole

Dicono che c’era una volta, su di un volo di una nota compagnia aerea sulla rotta che va da Johannesburg a Londra, una donna bianca, di circa 50 anni, che dovete prendere posto in classe economica di fianco ad un giovane uomo nero.

Fish! (2001)

Anche oggi voglio parlare di un libro non nuovissimo, di diversi autori, Fish! Una storia sulla motivazione, su un gruppo in cui tutti mettono passione ed energia nell’attività che svolgono, un ambiente in cui le persone sono autenticamente in sintonia fra loro, con il proprio lavoro e con i clienti, e non perchè il loro lavoro sia particolarmente meritevole o preveda una particolare reputazione.