cambiare

La prossima settimana non ci sarà incontro perchè il prossimo martedì è il primo maggio ed è festa, perciò il  prossimo incontro sarà l’otto maggio, e inizieremo un argomento molto “largo”,  che ognuno si potrà personalizzare e cucire addosso su misura. Parleremo del cambiamento, di cosa, come, quando e perchè cambiare.

Ma soprattutto parleremo delle due modalità di cambiamento che possiamo trovare in qualsiasi ambito, il cambiamento con le buone e quello con le cattive… e vi sorprenderà sapere che… con le buone… spesso è più difficile cambiare che con le cattive. Vi faccio un esemio, due persone vogliono smettere di fumare, una perchè l’ha vita le offre leggermente e con le buone il suggerimento di migliorare le sue abitudini, l’altra perchè il dottore le ha detto che ha un problema ai polmoni e che se continua a fumare non potrà vivere per vedere crescere i propri figli.

Molto probabilmente la forza di volontà che servirà al primo sarà molto maggiore di quella che servirà al secondo. Ma, spesso, se non basta la forza di volontà e non cambia l’abitudine, passerà dalla prima alla seconda situazione e, allora, quando vedrà che il rischio è diventato troppo alto, troverà quella forza che le mancava. Infatti, quando si parla di superazione personale, si dice spesso che ci sono due motivazioni principali, la disperazione e la decisione, e che la prima, anche se sembra più “brutta”, per paradossale che possa sembrare, è molto più “semplice”.

Cambiare come “reazione” ad una difficoltà, per allontanarci da qualcosa che non vogliamo è molto più facile ma da meno soddisfazioni di quante possa dare cambiare verso quello che vorremmo.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.