bisogni e desideri

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo continuato a riflettere insieme sull’importanza delle parole che scegliamo per definire e raccontarci il nostro mondo e sugli effetti che hanno sul suo sviluppo.

 Abbiamo parlato, soprattutto, della differenza che fa definire qualcosa che vogliamo, qualcosa di cui sentiamo la mancanza, come un bisogno o come un desiderio.

I bisogni sono cose di cui non possiamo fare a meno. Abbiamo bisogno di aria, di cibo e di relazioni. Abbiamo bisogno dimantenere una certa temperatura nel nostro corpo. I veri bisogni sono pochi e, spesso, ne abbiamo meno bisogno di quanto crediamo.

Quando definisco qualcosa come un bisogno, credo di dover averlo per forza, credo che la mia vita dipenda dal fatto di riuscire a ottenerlo, e mi sento molto debole senza.

Invece, se considero la stessa cosa come un desiderio, è facile che mi senta più forte, che possa immaginare un modo per ottenerlo, che possa prepararmi, cercare una strada e dare tutti i passi necessari per farlo diventare realtà.

Possiamo passare rassegna a tutti i nostri cosidetti bisogni e chiederci se sono veri bisogni o se sono solo delle cose che vorremmo avere, delle cose che crediamo di dover avere, delle cose che pensiamo abbiano tutti o delle cose che pensiamo di meritare per qualche ragione…

Finchè li vediamo come bisogni siamo loro schiavi, disperdiamo le nostre forze e viviamo tra continui sforzi, delusioni e frustrazioni.

Se li vediamo come desideri possiamo fare una gerarchia, dare delle priorità e dei tempi, mettere il cuore in pace su alcuni e concentrarci su altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…