Attenti alle ragazze (2002)

Come con i film, ogni tanto mi piace parlare di libri che non sono esattamente di psicologia, filosofia o spiritualità, ma di cui possiamo trarre insegnamenti potenti. Tra questi spuntano alcuni per bambini come  Attenti alle ragazze.

Quando rimasi incinta della mia prima figlia leggevo ad alta voce in una libreria per bambini, un paio d’ore a settimana e mi pagavano in libri, dvd, ecc. Era un ottimo allenamento, leggere per bambini è un esperienza molto particolare. Quelli che ancora non sanno leggere imparano a memoria quel che ascoltano e se cambi una sola la parola ti guardano come dicendo “alla tua età ancora non sai leggere?”

C’erano alcuni libri che sceglievo io e altri che sceglievano loro ma attenti alle ragazze era quasi sempre tra i preferiti, sia per il messaggio che per il fatto che ha solo tre personaggi e permette di fare le voci facilmente.

È la storia di un lupo che legge cappuccetto rosso e decide di fare visita ad una bambina che abita lì vicino per mangiarla come nel libro. Peccato che la ragazzina è più furba e alla fine le cose non vanno come il lupo avrebbe immaginato.

Come vi dicevo il terzo personaggio è il cane della ragazzina, ed è un personaggio che può farci riflettere molto se riusciamo a leggere fra le righe. Passa tutto il libro ad abbaiare perchè capisce solo quello che la ragazza dice e non quello che in realtà intende e crede di dover proteggerla perchè non vede che non ha bisogno.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.