ascoltami

Tutti abbiamo bisogno di essere ascoltati. Tutti abbiamo bisogno di parlare e di avere qualcuno che ascolta quello che abbiamo da dire. A volte abbiamo bisogno soltanto di parlare, a volte abbiamo bisogno di conforto, a volte abbiamo bisogno di comprensione, a volte di consiglio. Parlare è il modo di condividere quello che abbiamo dentro più efficace, se l’altro ci ascolta.

Ma ascoltare non è facile, non è semplice, o meglio, non siamo allenati, non sappiamo nemmeno da dove iniziare. Spesso le conversazioni sono quello che io chiamavo “due radio che parlano” e quello che potrebbe sembrare ascolto è solo aspettare che l’altro finisca per poter parlare noi.

Oggi voglio parlarvi di due tipi di ascolto, che possono migliorare diversi problemi di comunicazione. Il primo è l’ascolto proattivo e l’altro è quello proposto da Marshall Rosenberg , famoso mediatore e risolutore di conflitti, nella sua comunicazione non violenta o empatica.

Quando parliamo di ascolto proattivo, per come la vedo io, parliamo di un ascolto senza giudizio, ascolto quello che la persona che ho davanti sta dicendo o raccontando, senza cercare di risolvere i suoi problemi, senza cercare di correggerlo e renderlo una persona migliore, semplicemente rispettando il suo essere, il suo racconto e la sua situazione e rispettando e condividendo le sue emozioni per quanto possibile.

Ancora oltre va l’ascolto promosto da Rosenberg, che ci propone con le sue orecchie giraffa, di ascoltare oltre le parole i bisogni della persona che parla, le sue vulnerabilità e insicurezze, anche quando queste non sono chiaramente espresse o quando sono persino nascoste con parole o atteggiamenti di forza.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Scusate se esisto (2014)

Scusate se esisto (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di una commedia italiana con la meravigliosa Paola Cortellesi e un bellissimo e delizioso Raoul Bova gay, Scusate se esisto!. L’ennesima dimostrazione dell’umore che serve per vivere in questo nostro paese con le sue complessità e paradossi.

questione di priorità

questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto chein un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

voglio il gelato

voglio il gelato

Tanti anni fa, quando sono arrivata in Italia, ho fatto l’animatrice volontaria per un progetto di accoglienza di bambini bielorussi. Stavano in Italia due settimane e anche se la sera stavano con le famiglie, durante il giorno li tenevamo tutti insieme e li portavamo in piscina, a giocare, ecc.