armi di distrazione di massa

Negli incontri con i ragazzi del progetto degli eroi abbiamo parlato delle armi di distrazione di massa, e del loro bisogno di distrazioni, di divertimenti, di cosa nasconde e cosa comporta, ma soprattutto di quanto ci conviene lasciare che questi “bisogni” controllino la nostra vita e le nostre scelte.

Viviamo in un momento storico in cui le possibilità che potremmo avere sono più che mai ma, allo stesso tempo, sentiamo di dover scegliere tra poche opzioni molto limitate. Mai ci sono state così tante persone che odiavano il lunedì, che aspettavano con ansia il weekend o le vacanze, che odiavano tanto le loro vite e credevano così ciecamente di non poter cambiarle.

Senza bisogno di essere complottisti, si può vedere che il nostro “mondo” ci offre tanti stimoli che è facile perdersi. E, dal momento che le nostre vite sono sempre più virtuali, non abbiamo le radici che possano mantenerci saldi al suolo e veniamo portati dalla corrente.

Anche se il concetto di armi di distrazione di massa nasce dall’uso manipolatorio delle informazioni da parte di alcune grandi istituzioni ed entità, con la proliferazione dei social network la capilarità della diffusione di questi messaggi si è moltiplicata ulteriormente.

La maggior parte delle persone passa sempre più tempo a seguire ordini, stimoli e “doveri” e non ha tempo di capire cosa vuole o cosa sta facendo. Per non parlare di goderselo. Capita anche a voi?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.