Archetipi, scopri chi sei (2013)

Il secondo libto di Caroline Myss di cui voglio parlarvi è Archetipi – Scopri Chi Sei, in cui cerca di aiutarci a scoprire tramite gli archetipi le risposte a domande tipo: Cosa stai cercando? Qual è il tuo scopo nella vita? Perchè hai certe attrazioni e repulsioni? Su cosa potresti concentrarti per vivere meglio quello che sei?

Con lo stile semplice e piacevole che la contraddistingue, in questo libro racconta cosa sono gli archetipi e come riconoscere quali abbiamo dentro di noi e quali ci fanno comportare in certi modi. Il fatto che possiamo averne più di uno, e soprattuto che, anche se non possiamo scegliere gli archetipi che ci siamo trovati, possiamo usare queste conoscenze per prendere decisioni più felici e di successo in numerosi ambiti della vita, evitando le trappole che la tua personalità ti tende.

Inoltre, parla degli archetipi e della sua evoluzione nel tempo, perchè nei giorni nostri sono apparse variazioni di alcuni archetipi e nuove versioni nelle famiglie di archetipi classiche. In ogni caso, dedica un capitolo ad ogni archetipo, Il Difensore dei Diritti, L’Artista/Creativo, L’Atleta, L’Angelo Custode, La Fashionista, L’intellettuale, La Regina/Manager, Il Ribelle, Il Cercatore Spirituale, Il Visionario.

In cui ci racconta, prima di tutto a quale famiglia archetipica appartiene, le altre qualità o espressioni che mette in atto e cosa vorrebbe o potrebbe diventare (percorso di vita). Poi passa a definire le difficoltà principali a cui andrà in contro, così come la lezione universale che dovrà imparare per vivere meglio quell’archetipo. la sua grazia distintiva e l’ombra interiore che lo minaccerà finchè non la placca.

Poi, siccome sono principalmente declinati al femminile, ci parla anche della specifità maschile, e delle differenze se ci sono, del mito dell’archetipo e dei sui schemi comportamentali e caratteristiche, che possiamo usare per riconoscere se ci appartiene o meno, a noi o ad altri. Per finire con la sfida allo stile di vita, che ogni archetipo ci pone, e con con dei consigli ed esercizi per coltivare il potere dell’archetipo.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.

il discepolo attaccabrighe

il discepolo attaccabrighe

Dicono che c’era una volta un giovane che salpò una sera dal porto con una piccola barca a vela per navigare per un paio d’ore, la barca era di suo zio e non sapeva navigare bene ma non pensava di allontanarsi molto dalla riva. Ma all’improvviso lo sorprese una forte tormenta che lo portò al largo senza alcun controllo.