archetipi personali

In questo mese di ottobre, continueremo a parlare di archetipi, e al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di alcuni vedremo come individuare i propri archetipi personali e come sfruttare al meglio quest’informazione. Vedremo una serie di archetipi che possiamo definire di base e universali seguendo il libro di Caroline Myss e come capire se ci appartengono o meno.

Vedremo cosa vuol dire avere un archetipo fra i nostri archetipi personali, e come esserne certi. Ma, soprattutto vedremo come usare questa informazione in maniera funzionale e utile, come sfruttare al massimo la sua grazia distintiva e come evitare la sua ombra interiore o il suo lato oscuro. E sopratutto vedremo nel giorno per giorno come guadagnamo e come perdiamo potere ogni volta che facciamo alcune azioni.

E vedremo alcuni archetipi base come:

  • l’artista o creativo, se hai questo archetipo, con la sua innata vocazione potrà contribuire alla vita in maniera innovativa;
  • l’atleta, il suo modo di migliorare il mondo è stabilire nuovi standard, di responsabilità individuale e d’impegno nella cura del proprio corpo e di se stessi, se hai questo archetipo farai fatica a capire chi non ce l’ha;
  • l’angelo custode, si prende cura di altri, e attira gente bisognosa di aiuto, questo è il suo contributo, irónicamente, negare questo aiuto fa perdere potere a chi ha questo archetipo;
  • il ribelle, porta con se il fuoco, il coraggio ed è questo che da senso alla tua vita, trattenersi, se hai questo archetipo e cerchi di diventare come gli altri questo ti distruggerà dall’interno.

Ci avevate pensato? Vi ho incuriositi? Venite e parliamone…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.