la vita a strati

In questo mese di settembre, un po’ particolare perchè abbiamo dovuto spostare il secondo incontro, dedicato all’accettologia e alla ripresa del controllo delle proprie vite, ognuno della sua, con tutta la responsabilità che questo comporta, la settimana prossima, al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di come la vita è fatta a strati, e più strati teniamo sott’occhio, più potremo muoverci verso quello che desideriamo…

Abbiamo parlato più volte di superficialità, e di come deleghiamo il nostro potere a credenze, ad abitudini e ad altri… In questi giorni in cui stiamo cercando di riprenderci questo potere, vorrei parlare di come vedo la vita a “strati”, e di come propongo questa metafora sia per la diagnosi dei nostri problemi che per la loro risoluzione.

In questo momento non mi riferisco a strati tra credenze, pensieri, parole e azioni. Non sto parlando di quel tipo di strati, ma degli strati che si trovano in oguna di queste categorie. Perchè anche fra i pensieri ci sono strati, ci sono queli più superficiali, più concreti e più inmediati, e quelli più profondi, frose più astratti e più duraturi.

Prima di prendere delle decisioni, di fare delle scelte e di realizzare delle azioni, teniamo in considerazione criteri pratici e superficiali, inmediati e pratici, ma sarebbe utile fare almeno un pensiero sui livelli più profondi, per vedere se i nostri piccoli passi sono in linea con i nostri obiettivi più grandi.

Ci avevate pensato? Vi ho incuriositi? Venite e parliamone…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.