aprire delle porte

Quando ero all’università c’era una canzone di Gloria Stefan, abriendo puertas, che adoravo ascoltare e cantare. I miei amici dicevano che era perchè parlava di una come me, di una filosofia di vita simile alla mia e che ogni volta che la ascoltavano pensavano a me.

Infatti, anche prima di studiare tutto quello che ho studiato, di imparare tutto quello che ho imparato, di esperimentare tutto quello che ho sperimentato, già avevo uno spirito ingenuamente ottimista. Solo molti anni dopo ho capito quanto fosse importante e quanto questa mia caratteristica mi rendesse più forte, sia a livello psicologico che spirituale.

Quando apriamo una porta, o anche solo una finestra, alla vita non sappiamo mai cosa ci entrerà, potrebbe essere qualcosa di bello o di brutto. Potrebbe essere qualcosa di gradevole o di sgradevole. Potrebbe essere qualcosa di prevedibile o di imprevedibile. 

Spesso, quando entra qualcosa che consideriamo brutto, ci spaventiamo così tanto che tendiamo a chiudiere tutto, porte e finestre, per evitare che entrino altre cose “sgradevoli” o anche solo “imprevedibili”.

Ma i guai, se non trovano delle porte o finestre aperte, alla fine trovano delle crepe nei muri, ed entrano comunque, con l’aggravante dell’effetto sorpresa.

Quando apriamo le porte e le finestre, almeno, possiamo guardare chi o cosa entri. Possiamo affrontare le minacce di petto. E non solo, se osserviamo bene, vedremo anche alcune cose che potrebbero arrivare e possiamo allenarci ed elaborare una strategia per quando arriveranno.

Per non parlare di tutte le cose belle che potrebbero arrivare e che normalmente non sono così ostinate.

Che ne pensate? Siete d’accordo? Volete provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Scusate se esisto (2014)

Scusate se esisto (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di una commedia italiana con la meravigliosa Paola Cortellesi e un bellissimo e delizioso Raoul Bova gay, Scusate se esisto!. L’ennesima dimostrazione dell’umore che serve per vivere in questo nostro paese con le sue complessità e paradossi.

questione di priorità

questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto chein un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

voglio il gelato

voglio il gelato

Tanti anni fa, quando sono arrivata in Italia, ho fatto l’animatrice volontaria per un progetto di accoglienza di bambini bielorussi. Stavano in Italia due settimane e anche se la sera stavano con le famiglie, durante il giorno li tenevamo tutti insieme e li portavamo in piscina, a giocare, ecc.