amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.

Non si rendono conto che l’amore è qualcosa che fa bene a chi ama ed è un bisogno naturale, anche se non viene corrisposto, anche se non riceviamo niente in cambio. L’amore è il motore che muove il mondo.

E non mi riferisco solo all’amore di coppia, all’amore romantico ed esclusivo che ci fa vivere in funzione di un’altra persona. Nemmeno a quello che sentiamo per i figli, che funziona in un modo molto simile.

Mi riferisco all’amore che ci rende più leggeri, quello che ci fa svegliare col sorriso al mattino e scoprire delle forze e delle energie che non sapevamo di avere. Ad un amore che è desiderio di vita, che è piacere senza giudizio e accettazione pura.

Quell’amore che è fiducia e non ha bisogno di controllo. Ed è un amore che non è indirizzato verso nessuno in concreto perciò non si aspetta nulla del prossimo. Anzi, se vogliamo è indirizzato a noi stessi perciò dipende solo da noi coglierlo e ricambiarlo…

Per questo nel LOVE LAB partiremo dall’amore verso se stessi e verso la vita, prima di poter passare ad altri livelli più complessi, che, se affrontati imprepararti possono lasciare un gusto amore in bocca.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.